Alle radici del successo globale dei vini di Sicilia.

Bottiglie come il Passito, il Moscato, il Nero d'Avola o il Cerasuolo di Vittoria si accompagnano splendidamente con diversi tipi di portata, dalle carni ai formaggi, dai dolci al pesce.

08/nov/2010 16.01.23 MediaAgency Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

I vini italiani hanno guadagnato nel tempo un meritatissimo primato mondiale.

La tradizione nazionale della viticoltura italiana ha fatto sì che le bottiglie piemontesi, toscane, venete e siciliane siano ormai un punto di riferimento per tutti i palati fini.

Negli ultimi anni in particolare sono stati i vini di Sicilia a guadagnarsi gli allori del mercato globale.

Il loro successo ha molte facce: un clima mite tutto l’anno, la qualità dei suoli e l’esperienza dei viticoltori isolani.

Fattori qualitativi di successo che hanno portato il gusto deciso e corposo delle bottiglie siciliane in tutto il mondo.

Bottiglie come il Passito, il Moscato, il Nero d’Avola o il Cerasuolo di Vittoria si accompagnano splendidamente con diversi tipi di portata, dalle carni ai formaggi, dai dolci al pesce.

In modo specifico, nell’ultimo periodo una nuova area vinicola ha guadagnato i favori della ribalta: la zona dell’Etna.

Grazie alla particolarità dei suoli vulcanici, all’altitudine dei vitigni e alla loro esposizione, i vini dell’Etna presentano un gusto solare dal carattere tipicamente originale.

Caratteristiche che sono alla base di alcuni tra i più ricchi vini di Sicilia: l’Etna Rosso e il Nerello (tra i rossi) e il Carricante e il Cataratti (tra i bianchi) figurano tra i più apprezzati prodotti enologici siciliani.

Una produzione di qualità garantita, all’insegna del gusto e del sole di Sicilia.

 

 

Vini Sicilia – Nanfro

CDB//Agencyiotiposiziono.it

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl