16 Ottobre 2011: Seminare il futuro anche in Italia con EcorNaturaSì

Cinque anni fa, due svizzeri, Peter Kunz - selezionatore di sementi biologiche - e Ueli Hurter - agricoltore biodinamico - trovarono le risposte a queste domande ideando "Zukunft säen!".

Persone Ueli Hurter, Peter Kunz
Luoghi Italia, Molise, Petacciato, provincia di Campobasso
Argomenti agricoltura, economia

25/ago/2011 15.32.05 Sara Borsari Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Seminare è un gesto nobile e antico, ma attualmente relegato al lavoro isolato e meccanico di un agricoltore. Come recuperare il valore della semina per l’intera collettività? Come creare maggiore consapevolezza sulla sua importanza per l'uomo e per la sua sopravvivenza? Cinque anni fa, due svizzeri, Peter Kunz - selezionatore di sementi biologiche - e Ueli Hurter – agricoltore biodinamico – trovarono le risposte a queste domande ideando “Zukunft säen!”. Un evento di semina collettiva che, domenica 16 ottobre, dopo aver registrato nel 2010 oltre 7500 partecipanti, arriva in Italia come “Seminare il futuro”. A promuoverlo sono EcorNaturaSì – l’azienda leader in Italia nella distribuzione di prodotti biologici - insieme ai negozi biologici Cuorebio e NaturaSì, con il patrocinio di Demeter Italia e dell’Associazione per l’agricoltura biodinamica. L’obiettivo è sensibilizzare i consumatori sul tema della provenienza del cibo e del futuro dell'agricoltura, attraverso una proposta originale e coinvolgente che unisca il cuore alla terra.

Domenica 16 ottobre, in diverse aziende che coltivano prodotti da agricoltura biologica e biodinamica su tutto il territorio nazionale, centinaia di persone potranno seminare il terreno messo a disposizione per l’occasione, con l’antico metodo a spaglio, ossia con le mani. Giovani e meno giovani, per un giorno, sono invitati a seminare tutti insieme un campo di cereali con sementi di produzione biodinamica o biologica selezionati, ovvero che hanno rinunciato all’uso degli ibridi, alla manipolazione genetica, e mirano ad ottenere piante sane, robuste, ricche di sfumature e - importante! – riseminabili.

La porzione di terreno seminata sarà poi contraddistinta da uno striscione sul quale i partecipanti lasceranno la loro firma: per un anno poi, fino alla raccolta, chiunque potrà vedere la crescita dei cereali seminati.

Le aziende partecipanti sono distribuite sul territorio nazionale: l’elenco completo, i programmi ed ogni informazione sull’evento saranno disponibili sul sito www.seminareilfuturo.it (on line dal 5 settembre). L’iscrizione è gratuita e va comunicata attraverso il sito, compilando l’apposito form (ogni azienda ha una capienza limitata). Domenica 16 ottobre, dopo la semina, la giornata proseguirà con un semplice pranzo ed un programma messo a punto dalla singola azienda, fatto di degustazioni, visite guidate, incontri di approfondimento.

A suggellare la prima volta di “Seminare il futuro”, il fondatore dell’iniziativa, Peter Kunz, verrà in Italia e parteciperà all’evento in Molise, presso la Fattoria di Vaira di Petacciato (Campobasso).

Per ulteriori informazioni si può scrivere a eventi@ecor.it.

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl