Un lungo percorso dimagrante

05/set/2011 09.28.50 Carlotta Tinti Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Quando si parla di regime alimentare ipocalorico si intende una dieta con il giusto equilibrio nutrizionale e mantenere l'apporto calorico basso. Una dieta che non tiene in conto dell'apporto calorico, ma si basa su altri principi è la dieta a zona. Conosciuta per gli effetti di dimagrimento e non per lo scopo primario di Barry Sears, ovvero quello di migliorare la salute delle persone. Prima che questo tipo di dieta fosse inventata e diffusa l'alimentazione era intesa come l'introduzione calorie presenti negli alimenti nell'organismo. La zona ha introdotto il concetto di considerare gli effetti ormonali da parte dei cibi ingeriti e come controllare questi effetti per trarne beneficio. La dieta a zona è un regime alimentare inventato da Barry Sears, il quale si basa sulla necessità di  tenere basso il livello di insulina,la quale se è in quantità maggiori al necessario trasforma i carboidrati in eccesso in adipe. Lo scopo principale de la dieta a zona sta nello strutturare un regime alimentare ideale, in modo tale da stimolare la produzione di eicosanoidi buoni(pseudo ormoni) ed eliminare, o tenere a livelli bassi, gli eicosanoidi cattivi, ottenendo come risultato il miglioramento di varie funzioni del nostro organismo. Questa dieta è conosciuta anche con il nome di 40 30 30, in quanto le proporzioni dei nutrienti sono composte da 40 % carboidrati, 30 % proteine e il restante 30 % e costituito dai grassi. Un aspetto a cui bisogna prestare attenzione quando si intraprende un percorso dimagrante è l'apporto die micronutrienti, in particolare delle vitamine, in modo tale da non far insorgere carenze. Se, per un qualsiasi motivo, queste carenze dovessero insorgere si può fare uso di integratori nutrizionali.

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl