Alimentazione e catarro nel bambino

17/feb/2012 17.27.58 giuliadori Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Tra i soggetti più esposti alle malattie da raffreddamento come l'influenza e il raffreddore, i bambini sono in prima linea. Il fattore che più incide, assieme all'alimentazione, è senza dubbio l'inquinamento atmosferico, che indebolisce le vie respiratorie e favorisce la contrazione di malattie stagionali.

Alcuni bambini, inoltre, definiti "catarrali", sono più vulnerabili rispetto ad altri alle infezioni delle prime vie aeree a causa di un circolo vizioso tra deficit immunitario lieve e infezioni. Negli ultimi anni, si è sentito parlare spesso di farmaco resistenza, soprattutto nei bambini, determinata in buona parte dall'abuso e dall'uso inappropriato degli antibiotici, somministrati di propria iniziativa o con eccessiva leggerezza anche da parte degli stessi pediatri.

A complicare il quadro, inoltre, è l'uso massiccio dei farmaci negli allevamenti, i cui residui, inevitabilmente, finiscono anche sulle nostre tavole. Molte delle patologie virali tipiche della stagione invernale, infatti, si potrebbero risolvere in modo del tutto spontaneo, senza ricorrere necessariamente agli antibiotici, il cui uso frequente, soprattutto nei bambini, ha un effetto depressivo sul sistema immunitario, con conseguenti strascichi negativi. Un'alimentazione corretta, è la prima forma di prevenzione del catarro nel bambino.

E' importante, perciò, saper scegliere gli alimenti con cura, e l'agricoltura biologica, in questo senso, rappresenta certamente una valida risposta. Il cibo biologico, infatti, non contempla l'uso di prodotti chimici durante la coltivazione, come pesticidi e antiparassitari, inoltre, segue il ciclo della natura, salvaguardando anche l'ambiente e il benessere degli animali. In questo modo, gli alimenti conservano tutti i principi nutritivi, superando in qualità quelli provenienti dall'agricoltura convenzionale.

Un altro fattore decisivo nella comparsa del catarro nel bambino è l'eccesso di proteine animali, che espone in misura maggiore alle malattie infettive. Il catarro, infatti, è il tentativo messo in atto dall'organismo, per contrastare l'irrigidimento delle strutture nervose funzionali. Sarebbe utile integrare nella dieta del bambino, dopo lo svezzamento, le erbe aromatiche e le spezie. Inoltre, esiste tutta una serie di rimedi che favorisce la guarigione in modo naturale, come il lavaggio del naso con una soluzione fisiologica, i suffumigi (inalazione di vapore) con oli essenziali, solo per citare alcuni esempi. In caso di catarro nel bambino, inoltre, è fondamentale reidratare l'organismo con acqua e decotti di liquirizia.

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl