ANTEPRIMA BAROLO 2010: L'ANNATA DELLE DIVERSITA'

03/giu/2014 15:28:50 Livio Copywriter Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

“Le Strette” invita a degustare
il Barolo Bergera-Pezzole ed il Barolo Bergeisa

 

Barolo 2010: alla Cantina Le Strette (http://www.lestrette.com)  il Barolo Bergera-Pezzole ed il Barolo Bergeisa sono ormai pronti per offrire ai clienti le loro personalità. E sono gli stessi titolari, Mauro e Savio Daniele,  a raccontarcene  l’evoluzione sino al momento di presentarsi agli estimatori del Barolo.

BAROLO 2010: DIVERSITA' PROTAGONISTE. Alla Cantina Le Strette il punto di riflessione sul Barolo 2010 parte dal concetto di diversità. Ed a spiegarlo sono Savio e Mauro: «L'annata 2010, in base all'andamento della vendemmia e della maturazione successiva in cantina, è, a nostro avviso, all'altezza delle migliori annate precedenti. Per quel che riguarda i nostri crü, il Barolo Bergera-Pezzole (comune di Novello) ed il Barolo Bergeisa (comune di Barolo), si distinguono l'uno dall'altro. E questo è un segno chiaro di come il Barolo 2010 si può esprimere in modi diversi e netti, in base ai vigneti di provenienza». E, nello specifico, ecco come si presenta: «In generale – continuano Savio e Daniele – il colore è ad un buon livello, forse anche sopra la media dell’annata, i tannini sono presenti e piacevoli, anche se ad inizio evoluzione, la concentrazione e l'equilibrio tra gli elementi sono interessanti, e la complessità nei profumi ricalca molto il Barolo 2006 ed il Barolo 2009. La struttura e l'alcol sono protagonisti in un insieme di grande eleganza». Possiamo dire che il Barolo 2010 nasce bene: «I presupposti – concludono i titolari della Cantina Le Strette – per un'annata protagonista ci sono tutti. Per i nostri crü possiamo dire che il Barolo Bergera-Pezzole, come di consueto, presenta una complessità ed una struttura superiori, mentre il Barolo Bergeisa è adatto per chi predilige l’eleganza, la morbidezza, il frutto un Barolo più pronto, già da giovane. Entrambe le tipologie saranno immesse sul mercato ad inizio estate (verso il mese di giugno)».

 BAROLO 2010: LA DEGUSTAZIONE.

BAROLO BERGERA PEZZOLE 2010: LA DEGUSTAZIONE. Colore di ottima intensità, ancora molto giovane. Il naso è complesso e, seppur mostrando ancora le note giovanili, comincia a dare spazio all’evoluzione tipica di questo cru novellese, verso le note più speziate (cannella) e floreali con qualche richiamo balsamico. Il palato offre un tannino ben presente, ma dalla percezione dolce, anche per la grassezza che lo avvolge. Ottima la prospettiva di vita: saprà farsi apprezzare per molto tempo.

BAROLO BERGEISA 2010: LA DEGUSTAZIONE. Il colore è molto affascinate, ancora fresco, anche se di intensità leggermente inferiore al Bergera Pezzole. Il bouquet è di piccoli frutti rossi, violetta e rosa canina, tipicamente elegante e discreto. In bocca esprime una tannicità viva, anche se setosa e dalla tessitura molto fine. Già buona la bevibilità, anche se qualche mese di ulteriore evoluzione saprà aggiungergli complessità   Si conferma un barolo che esprime un’area volta all’eleganza, ma che sa dire la sua anche per tempi lunghi.

 

 

 

 

Livio Oggero
Addetto Stampa
338/1729440
www.liviooggero.it
liviooggero@gmail.com

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl