Bianca o integrale: viva la pasta biologica Alce Nero!

07/ott/2014 14:18:19 Silvia Voltan Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Selezionate varietà di grani duri italiani, coltivati con metodo  biologico e lavorati con tecniche rispettose delle materie prime: nasce così la pasta Alce Nero. Sana e gustosa, fonte naturale di energia.

 

Coltivata nelle zone più vocate d’Italia, in particolare Basilicata e Puglia nell'altopiano delle Murge, e lavorata con una speciale trafilatura al bronzo per conferirle una superficie ruvida perfetta per meglio assorbire i condimenti, la pasta Alce Nero è disponibile in diversi formati tra cui spaghetti, penne, fusilli, ciascuno con il proprio peculiare tempo di cottura per gustarla sempre al dente.

 

Al sugo, al ragù o alle verdure, spazio alla fantasia per preparare sfiziose ricette da gustare in ogni stagione. La bontà è assicurata dai grani selezionati da Alce Nero, come Senatore Cappelli, una storica semola di grano duro che si contraddistingue per il profumo intenso, il sapore deciso e per le spighe alte più di un metro e ottanta. Per ottenere una pasta organoletticamente perfetta, viene trafilata al bronzo.

 

La pasta è l’indiscussa regina della cucina italiana, è ricca di carboidrati complessi che conferiscono all’organismo energia a lento rilascio. Per un’alimentazione naturale ed equilibrata si può alternare la bianca con quella integrale più ricca di fibre, particolarmente gustosa se abbinata a condimenti di verdure.

 

A chi preferisce sapori diversi, Alce Nero propone la pasta 100% farro, ottenuta esclusivamente da farro Triticum Dicoccum italiano che si contraddistingue per un sapore leggermente dolce. Oppure si può provare la pasta di Kamut, un grano antico dal sapore deciso che ricorda quello della noce e maggiormente proteico.

 

 

Completa la linea: la pasta di Gragnano prodotta con grano duro italiano delle varietà tradizionali, tra cui Senatore Cappelli e Saragolla. La lavorazione avviene secondo processi accurati, con trafilatura ruvida al bronzo, cui segue una lenta essicazione che dura fino a 48 ore e si svolge in celle statiche a una temperatura media mai superiore ai 45° C.  Infine, ideale per ricette originali le paste speciali di grano duro Alce Nero con verdure e altri cerali che conferiscono colori e sapori particolarmente delicati e unici.

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl