CONSORZIO PIACENZA ALIMENTARE: 7 AZIENDE IN PARTENZA PER IL FOODEX A TOKYO PER CONQUISTARE I MERCATI DELL'ESTREMO ORIENTE

02/mar/2016 10.13.56 RMpercomunicare Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.



Piacenza, 02 marzo, 2016

 

DALL’8 ALL’11 MARZO FOODEX, TOKYO:
IL CONSORZIO PIACENZA ALIMENTARE
PUNTA SUI MERCATI
DI GIAPPONE  E COREA DEL SUD

 

Sono 7 e sono una rappresentanza significativa della variegata produzione agroalimentare piacentina e della valle padana in generale, sono le aziende del Consorzio Piacenza Alimentare che partiranno alla volta di Tokyo, per prendere parte al Foodex, la più importante manifestazione fieristica agroalimentare del Giappone. Giunta alla sua 41esima edizione la fiera rappresenta un grande richiamo commerciale per tutta l'Asia Orientale e gli stati del Pacifico. Dall’8 all’11 marzo Delicius, La Pizza + 1, Ma.Vi Trade, Polenghi, Prosciuttificio San Nicola, Salumificio San Carlo, Steriltom saranno all’interno del grande padiglione dedicato alle eccellenze food&beverage italiane organizzato da Ice. Uno spazio multifunzionale in cui oltre agli stand delle singole aziende si svolgeranno anche seminari, incontri e show cooking per approfondire la conoscenza della ricca tradizione alimentare italiana. Grazie al Consorzio Piacenza Alimentare, l’unico multi-consorzio italiano presente al Foodex, anche il territorio piacentino avrà modo di raccontare le proprie eccellenze durante momenti collettivi di approfondimento.
Sono ormai tanti anni, praticamente dalla fondazione nel 1981, che il Consorzio accompagna e guida le sue associate all’interno di questa manifestazione contribuendo, di fatto, allo sviluppo d’importanti trattative commerciali.
Come sottolineato lo scorso anno dal ministro Martina, in visita anche al padiglione del Consorzio Piacenza Alimentare, “Il Giappone è un partner strategico per l’agricoltura e l’agroalimentare italiano. Negli scorsi anni l’export italiano verso questo Paese ha fatto registrare un forte incremento, con una crescita percentuale a doppia cifra”.
Grandi aspettative quindi per le aziende partecipanti che, in alcuni casi, hanno già instaurato rapporti commerciali con il Giappone e, quest’anno, volano a Tokyo per incentivare le opportunità. Come il Salumificio San Carlo: “
Siamo presenti da un paio d’anni sul mercato giapponese proprio grazie a contatti acquisiti in Fiera. – Spiega la titolare Anna Muselli - Si tratta di un mercato interessato ai prodotti Made in Italy, di cui apprezza l’elevata qualità. Per quanto riguarda i salumi piacentini, essi sono chiaramente delle specialità che al momento rappresentano una nicchia di mercato e che, quindi, dobbiamo impegnarci a far conoscere”.

Stesse dinamiche anche per la Pizza + 1, che in 2 anni è riuscita ad arrivare nella grande distribuzione e a conquistare l’esigente mercato della ristorazione: ”I Giapponesi hanno una grande cultura del cibo e sono molto attenti all’autenticità dei prodotti- racconta Marco Nicora,  direttore commerciale di La Pizza + 1 – Noi produciamo prodotti da forno e tra tutta la nostra gamma si sono letteralmente innamorati della Focaccia, perché ai loro occhi rappresenta la vera tradizione gastronomica italiana, ancora poco conosciuta nel mondo. La portata di questo successo è testimoniata dal fatto che per seguire più da vicino l’esportazione, abbiamo aperto un ufficio commerciale Tokyo”. Grandi risultati, quindi, per le aziende piacentine, raggiunti anche grazie all’attento lavoro di sinergia e condivisione instaurato dal Consorzio in questi anni e culminato quest’anno nel progetto di incoming di 20 buyers giapponesi, giunti a Piacenza per conoscere da vicino la nostra ricca tradizione enogastronomica. A raccontare l’evento in un servizio uscito sulla rivista Food Life è stato Shigeru Hayashi noto giornalista enogastronomico giapponese, esperto di Made in Italy e co-fondatore di Eataly a Tokyo. Sempre di più il mercato giapponese sta aprendo la propria tradizione culinaria alla sperimentazione e alla contaminazione con ricette e ingredienti provenienti da altri paesi. Ne sa qualcosa la Polenghi, azienda leader mondiale nella lavorazione e produzione di succo di limone che, dopo aver aperto un ufficio commerciale a Shanghai, è riuscita a “educare” la cucina giapponese all’utilizzo del suo prodotto. “Essere presenti sul territorio ci ha permesso di far conoscere direttamente i molteplici utilizzi e proprietà del succo di limone- spiega Claudia Curati, responsabile marketing di Polenghi –E’ come portare i profumi d’Italia sulla tavola, ci dicono ogni volta. Da questo è nata l’idea di proporre una nuova linea di condimenti agli agrumi, che presenteremo quest’anno al Foodex”.  Grande interesse anche per la storica azienda di conserve ittiche Delicius, che negli anni ha conosciuto e saputo soddisfare le esigenze di questo particolare mercato, come racconta Monica Delchiappo, responsabile export dell’azienda: “Le speranze sono, come sempre, quelle di avere una vetrina di livello e prestigio in un paese catalizzatore delle produzioni alimentari di qualità (basta osservare la cura maniacale con cui vengono solamente disposti i frutti nei layout dei supermarket di Tokyo!) e culturalmente abituato alla ricerca della perfezione. Da sempre la religione buddhista ha limitato il consumo di carne, massimizzando l’impiego di vegetali e pesci. La perfetta estetica nella disposizione sul piatto è considerata essenziale per il miglior consumo dei cibi e persino l’alimento più povero viene trattato come prezioso e servito in modo elegante. Il nostro prodotto alice, di piccola dimensione e limitata visibilità trova quindi un grande alleato nella profonda cultura di preparazione del food e la ricercata mise-en-place delle tavole giapponesi. “Conoscere da vicino!”, con questo obiettivo il Consorzio e la delegazione di aziende associate saranno presenti a Tokyo. Un rapporto di reciproco scambio che culminerà il 9 di marzo durante la conferenza pubblica dedicata al Made in Piacenza che si terrà all’interno nello spazio convegni della fiera. Un appuntamento voluto e curato dal Consorzio Piacenza Alimentare. “Non solo un convegno, ma anche un aperitivo con un gruppo selezionato di buyers e un seminario degustazione condotto dallo chef Colonnello e per finire una serata di gala organizzata e ospitata dall’ambasciata italiana a Tokyo dedicata alla prossima edizione del Cibus. - Spiega il Presidente Sante Ludovico – La cosa importante è creare un canale diretto di scambio, per favorire ed incentivare la conoscenza diretta del nostro territorio. L’incoming dello scorso settembre è stato un successo, perché gli importatori hanno potuto toccare con mano la qualità e soprattutto la storicità dei nostri prodotti, caratteristiche molto apprezzate dal colto pubblico giapponese. A questi, strettamente legata da rapporti commerciali e da usanze culturali, è la Corea del Sud: un nuovo mercato emergente su cui stiamo puntando tantissimo. A maggio ci sarà il Cibus. Stiamo già lavorando per organizzare incontri mirati sia in fiera che presso le aziende, non solo con i buyers del Giappone, ma anche, appunto, con quelli della Corea del Sud.



Per info:


Descrizione: http://www.comunicati.net/allegati/170856/2016-foodex-com-st.pdf3405067915_868749

CONSORZIO PIACENZA ALIMENTARE
Piazza Cavalli, 35 - 29121 PIACENZA (Italy)
Tel. +39 0523 305928  - Fax: +39 0523 313854

www.consorziopiacenzalimentare.it

 

 

 

 

 

 

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl