Gruppo Fini S.p.a. certifica le proprie best practice

29/mag/2017 17:39:37 Borderline Agency Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Il Gruppo emiliano sceglie di adottare un Codice Etico per tutta la filiera, per sancire il proprio modello virtuoso di comportamento nei confronti del pubblico, dei lavoratori e dell’ambiente

 

Non basta garantire la qualità nei prodotti che si propongono, ma anche nel modo di operare e in tutta la filiera. Con questo intento Gruppo Fini S.p.a., azienda nata a Modena nel 1912 e simbolo della migliore tradizione gastronomica emiliana, ha scelto di adottare, per le attività di tutti i marchi di proprietà, un Codice Etico da applicare non solo alla propria realtà specifica, ma anche ai fornitori.

Tale decisione è stata presa per testimoniare e diffondere un modello di comportamento etico coerente con la mission del Gruppo Fini, in cui il rispetto per i lavoratori, l’ambiente e la clientela sono sanciti da precise norme e best practice da tempo adottate quotidianamente in tutti i gli ambiti di competenza dell’Azienda.

Conformandosi al D.Lgs n.231 dell’8 giugno 2001 e alle Linee Guida elaborate da Confindustria secondo la versione del 31 marzo 2008, Gruppo Fini ha quindi deciso di aderire ai protocolli di riferimento e ai requisiti a cui l’azienda riconosce valore etico positivo, chiedendo anche ai propri fornitori e all’intera filiera di conformarsi, anche formalmente, a tale modello virtuoso.

Nel novero dei principi esposti dal Codice Etico si possono elencare il rispetto delle leggi, l’integrità di comportamento, la concorrenza leale, il valore e la tutela delle risorse umane, in ciò esplicitando sia l’aspetto della sicurezza che delle condizioni lavorative e delle mansioni, della contrattualistica e degli sviluppi di carriera. L’attenzione verso le persone, il luogo di lavoro, le attività e le condizioni in cui vengono fornite le prestazioni sono quindi tutelate al pari delle garanzie offerte da contratti di lavoro equi, regolari e nel rispetto dell’individuo, senza alcun tipo di discriminazione di genere, età, etnia.

Uno sguardo verso l’interno, dunque, per il Gruppo Fini, ma senza trascurare anche il mondo al di fuori degli stabilimenti. L’adozione formale del Codice Etico sancisce infatti anche una particolare attenzione nei confronti della tutela ambientale e nei rapporti con la collettività, ovvero con la società, gli stakeholder, le istituzioni, il territorio. Un passo preceduto dall’apertura del moderno stabilimento di Ravarino (MO), così come la totale trasparenza dimostrata nell’organizzazione di diversi open day e nel family day in cui le famiglie dei lavoratori hanno potuto visitare i diversi luoghi di lavoro.

Abbiamo voluto formalizzare, attraverso l’adozione del Codice Etico - spiega Andrea Ghia, AD del Gruppo Finiun modello di gestione aziendale che ci caratterizza già da molti anni. L’attenzione dell’azienda non è volta, infatti, solo ad assicurare al consumatore il meglio, ma anche a fare in modo che tutti coloro che hanno rapporti con il Gruppo Fini siano tutelati. Con l’adozione del Codice Etico abbiamo voluto conformare tutta la filiera a queste best practice, rendendo vincolanti quelle formule che di fatto erano per noi un punto di riferimento nella gestione quotidiana e nell’operatività non solo in loco, ma a livello internazionale”.

Il Gruppo Fini si è quindi impegnato, dotandosi di tale Codice Etico, ad osservare e far osservare tali norme non solo ai propri dipendenti, ma anche a tutti coloro che nel mondo hanno rapporti intercorrenti con i propri brand. A livello internazionale, infatti, questa assunzione di responsabilità è particolarmente apprezzata, perché comprova la rettitudine di un’impresa ed è essa stessa garanzia di qualità.

Del resto, non poteva essere altrimenti per chi afferma che un prodotto deve essere “Non solo buono”, la mission del Gruppo Fini che nasce dalla convinzione che oggi parlare di cibo buono non è più abbastanza. Un impegno preso dal Gruppo Fini per lo sviluppo dei propri prodotti che si traduce in qualità delle materie prime, rispetto delle stagionalità, attenzione nella scelta degli ingredienti e nuove ricette che uniscano insieme l’eccellenza del gusto all’equilibrio nutrizionale, garantito da solide basi scientifiche.

 

 

 

Il Gruppo Fini SpA, società a socio unico di proprietà del fondo 100% italiano Paladin Capital Partners, è una grande realtà dell’alimentare italiana. La società è titolare dei marchi Fini, nato nel 1912 ad opera di Telesforo Fini nel cuore dell’Emilia, e Le Conserve della Nonna, storica realtà di Ravarino (MO). FINI è un marchio di pasta ripiena e sughi freschi che rappresenta in Italia e nel mondo tutto il gusto della tradizione emiliana in cucina. Le Conserve della Nonna, nell’ampia gamma di referenze tipiche di tutte le regioni italiane, offre sughi, condimenti e confetture preparati secondo metodi tradizionali, con la sicurezza di un grande gruppo produttivo.

 

 

 

FINI SpA Sede sociale: Via Confine, 1583 41017 Ravarino (MO); Amministrazione: Via Albareto, 211 41122 Modena info@nonsolobuono.it - www.nonsolobuono.it

Borderline – Via Parisio 16 – 40137 Bologna Tel. 051 4450204 Fax 051 6237200 - Communication Manager & P.R Matteo Barboni – 349 6172546 m.barboni@borderlineagency.com

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl