Finestre in legno Pavanello

10/ago/2010 09.30.35 Andrea Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Le finestre fanno parte degli elementi attivi di un edificio, nel senso che ne influenzano materialmente la vivibilità, il genere e l'estetica. Con una vasta gamma di dettagli come fermavetri e maniglie a disposizione, e con una certa varietà di materiali, si può fantasticare seguendo i propri stili favoriti e dando un timbro molto personale agli ambienti. Sopraluce, finestre a bilico e ventilazione controllata, da un punto di vista più funzionale, sono caratteristiche caldamente consigliate per ottenere un buon isolamento acustico e risparmio energetico. Le strutture più evolute, perdipiù, offrono il comando centralizzato, utile a conservare l'energia e gestire il raffrescamento notturno attraverso l'apertura controllata a proprio piacimento. Le finestre in legno lamellare sono famose per stabilità, resistenza, omogeneità e bellezza. Materiale altamente tecnologico ed inalterabile nel tempo, il lamellare deriva dalla scelta del legno migliore a disposizione, eliminati i nodi ed altre imperfezioni ed essendo sottoposto a perfetta essiccazione. Le finestre a battente consentono di abbinare l'alluminio con il legno o l'alluminio con l'alluminio creando anche soluzioni bicolore. Interponendo il PVC, si ottiene un invidiabile isolamento. Isolamento che può crescere ulteriormente adottando il sistema a taglio termico che conserva il calore della casa garantendo un serio risparmio sulle spese di riscaldamento, attraverso l'interruzione del ponte termico fatto con barra continua di materiale isolante. A proposito di sicurezza, anche seguendo il solco delle nuove normative, si stanno facendo notevoli passi avanti. I componenti delle finestre, secondo il codice europeo, sono divisi in tre classi di resistenza. La classe WK1 dà una protezione di base contro la forza fisica (urto, assalto, atterramento, sollevamento e strappo) e una protezione limitata contro gli attrezzi a leva. La classe WK2 oppone resistenza a cacciavite, tenaglie e cunei. La classe WK3 garantisce protezione massima anche contro il piede di porco. Vetri antieffrazione, chiusure di sicurezza supplementari, sistemi di protezione anti-scardinamento e anti-perforazione e maniglie con chiusura a chiave sono altri accorgimenti adottabili in tema di sicurezza. Infine, nel segno della tendenza emergente della domotica, sono disponibili sul mercato anche dotazioni per persone anziane e disabili.

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl