Specchiere Classiche: un'aggiunta di valore per la nostra casa

La specchiera è un elemento importante dell'arredamento.

Persone Andrea
Argomenti mobili, arredamento

30/ago/2011 11.30.12 Giavara Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

La specchiera è un elemento importante dell'arredamento.
In alcuni casi il suo posizionamento è quasi d'obbligo.
In camera da letto, in entrata o nel corridoio delle abitazioni, sono alcuni dei posti in cui è presente (e forse necessaria) in quasi tutte le case.
L'ingresso, ad esempio, è una parte molto importante della nostra abitazione. Infatti è qui che amici e parenti entrano per farci visita.
Avere un ingresso accogliente significa ricevere le persone nel modo giusto e può essere un pretesto anche per cominciare un'interessante conversazione!

In commercio ci sono svariate tipologie di specchiere: specchiere classiche e moderne, con le cornici semplici oppure molto arzigogolate, grandi oppure piccole.


Ci sono specchiere più sobrie, con la cornice semplice e lineare, senza troppe lavorazioni e con finitura dorata o argentata in foglia.
Oppure ci sono anche specchiere molto elaborate, con cornici intagliate e con vistose decorazioni. La classicità viene poi ancor più accentuata dalla finitura in foglia oro o argento patinata (leggermente antichizzata). Quest'ultime sono perfettamente abbinabili con tutti i tipi mobili in stile, dai più decorati, ai modelli più sobri.

C'è da sottolineare il procedimento artigianale che sta alla base di un'ottima riuscita della finitura: la foglia oro viene  messa manualmente dagli artigiani e fissata alla cornice, rigorosamente il legno, per dare un aspetto decisamente classico e di sicuro effetto.

Per quanto riguarda le dimensioni, possiamo trovare le classiche specchiere larghe circa 100 cm, adatte ad essere posizionate sopra un mobile, magari nella zona notte, oppure anche sopra una credenza in soggiorno.

Poi sono presenti specchiere maxi, dalle dimensioni grandi.
Si possono estendere in larghezza oppure in altezza.
Quelle non molto larghe e alte (dai 180 cm in su) sono dette specchiere a figura intera. Vanno fissate in modo tale che la parte bassa si poggi al pavimento e sono principalmente usate nell'ingresso.

Mentre le specchiere molto larghe (arrivano tranquillamente ai 190 cm di larghezza) sono perfette in soggiorno, magari sopra un credenzine. Riempiono la parete, fanno arredamento, donano luce.

Mentre la scelta di un quadro è molto più complessa (deve piacere il tema, deve avere il giusto stile e le giuste dimensioni, deve intonarsi con i colori) la scelta di una specchiera risulta quasi sempre molto più facile. Infatti basta solo scegliere quella con le dimensioni adatte e con la cornice che ci piace.

Come scegliere la specchiera giusta per il nostro ambiente?
Prima di scegliere la specchiera occorre visionare il posto in cui dovrà essere messa e vedere le dimensioni disponibili.
Ovviamente si deve anche tener conto dell'arredamento già esistente.
Infatti se dobbiamo posizionarla sopra una credenza essa dovrà avere la stessa larghezza, o più piccola. Certamente non più grande.

Se vogliamo mettere una specchiera a figura intera, dobbiamo verificare che ci sia lo spazio adatto, sia in altezza che in larghezza. Essa non dovrà essere troppo attaccata ad altri elementi.

Dopo aver verificato le misure è arrivato il momento di scegliere il tipo di cornice.
Come abbiamo già detto prima ci sono cornici semplici ed altre più elaborate.

Per quanto riguarda la finitura anche qui occorre fare una scelta ponderata tra l'arredamento presente e certamente in primo luogo in base ai propri gusti.

Un dorato lucido omogeneo può stare bene anche con arredamento moderno o comunque arredamento che ha finitura laccate, omogenee, lucide.

Mentre se la specchiera deve essere abbinata a dei mobili classici, sicuramente, la foglia oro o argento è la finitura che si addice di più.
Il procedimento per questa tecnica, molto antica, consiste nel posizionare ed attaccare alla superficie della cornice tanti piccoli fogli sottili di oro o argento.
Il risultato, da cui si evince chiaramente la fattezza a mano, è una superficie irregolare, segnata dai vari fogli che sono stati messi uno di fianco all'altro che non fa altro che accentuare il carattere classico dello specchio.


Testo a cura di Andrea - Arteferretto

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl