Gru: gli incidenti più frequenti nei settori portuale e edilizia

03/nov/2011 17.53.40 Alba - Prima posizione Srl Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

La manipolazione di gru e altri macchinari di sollevamento e trasporto di carichi è diventata pratica normale in numerosi contesti industriali. L’aumento dei volumi di traffico, delle superfici e carici per gru a cavaletto o di altro tipo per approfittare le economie di scale, fanno che queste apparecchiature abbiano ogni giorno centinaia di pesi da coordinare. Con un aumento del numero di gru impiegate arriva per forza un maggior numero di incidenti, che nel migliore dei casi rallentano la produzione e nel peggiore causano perdite personali.

Studi recenti indicano come la causa principale degli incidenti occorsi durante la manipolazione di carichi tramite gru sia la instabilità. Questa può presentarsi nel caso in cui la superficie dove si trova la gru non sia uniforme oppure quando la capacità di sollevamento della gru non sia adeguata alle dimensioni o peso dell’elemento a maneggiare. Anche un posizionamento non corretto del gancio sul centro di gravità dell’elemento a sollevare può causare instabilità e risultare in incidente.

Gli infortuni che derivano nella perdita di vite di personale impegnato nel trasporto di merci con gru sono nella maggioranza dei casi causati da elettrocuzioni. I processi di montaggio e smontaggio delle gru e la caduta di parti della macchina non assicurate sono nel secondo e terzo posto di questa tragica classifica.

Nel caso particolare dei porti commerciali, gli incidenti causati da problemi con gru portuali rappresentano più del 30% del totale di costi correlati al macchinario. In particolare, la causa più frequente di danni negli attivi di questi porti sono le collisioni tra il braccio delle gru e le navi dalle quali si scaricano le merci. Seguono i problemi derivati da ganci, corde, catene e spalmatori in condizioni non ottimali e i sistemi di comunicazione tra operatori non efficaci.

Infatti nei processi di sollevamento di carichi ci sono impiegate varie figure professionali tra le quali il supervisore, la persona incaricata di condurre la gru, i segnalatori di posizione del carico e di posizione dei componenti della gru. E’ fondamentale che queste persone abbiano la formazione e le certificazioni necessarie per partecipare in lavori di questo tipo, ma è anche basilare disporre di un sistema di comunicazione che permetta loro di dare degli avvisi, indicazioni e segnali al resto del gruppo per evitare problemi di coordinazione con gli elementi coinvolti nel sollevamento e con gli elementi circondanti.

Precisamente la presenza di elementi non direttamente coinvolti in una particolare operazione ma situati intorno all’area di lavoro sono uno dei fattori che possono fare diventare di rischio un sollevamento convenzionale, specialmente nel caso di gru su rotaia.

L’approccio da adottare quindi per garantire la sicurezza delle gru all’interno di porti commerciali, costruzioni e industrie è quello di stabilire delle procedure standard sia per i sollevamenti ordinari che per quelli di rischio o in condizioni complicate, con delle condizioni e azioni da realizzare prima di iniziare la manipolazione dei carichi che in caso di non essere soddisfate devono portare a una rivalutazione del piano o al fermo delle macchine.

Articolo a cura di Alba L
Prima Posizione Srl – reputazione online

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl