Trucchi per migliorare la performance del portatile

02/dic/2011 12.52.52 Alba - Prima posizione Srl Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

I computer portatili, molto più spesso di quelli fissi, sono soggetti a movimenti ma anche a modalità di uso che ne possono rallentare il funzionamento. Non si tratta solo del fatto di usare il laptop in questione su superfici non sempre adeguate, o in posizioni non precisamente sicure, ma anche dell’usare e modificare file e programmi in modo interrotto e durante periodi di tempo relativamente corti.

Tale utilizzo può avere come conseguenza che il nostro pc non funzioni così velocemente come quando lo abbiamo acquistato, per cui adottare certe routine di mantenimento ci potrà aiutare a ricuperare un po’ della velocità iniziale e, con un po’ di disciplina, evitare ulteriori problemi di performance che richiedano servizi professionali di assistenza computer verona.

In primo luogo è necessario come precauzione basica, disporre sempre di spazio sufficiente nell’hard disk del computer e pulirlo spesso di file temporanei e che non utilizziamo più. Per fare ciò possiamo utilizzare l’assistente di windows o, per migliori risultati, scaricare un software gratuito di pulizia del pc. Questi programmi rimuovono, inoltre ai file temporanei che entrano nel nostro computer mentre navighiamo su internet, i file duplicati e le entrate di registro non valide, che spesso rimangono nel nostro portatile anche dopo aver eliminato i programmi a loro associati.

Con l’obiettivo di alleggerire al massimo l’hard disk è necessario, inoltre, eliminare dal pannello di controllo i programmi che non si usano più o che si sono istallati per default con l’aggiunta di altri programmi che invece sì che usiamo. Nello stesso modo, occorre togliere dalla lista di programmi di inizializzazione tutti quei software che non sono necessari e che spesso sono particolarità del produttore o di certi programmi che veri requisiti (vedi Microsoft Office boot). Per fare ciò, basta cliccare su Esegui nel menù di Windows e inserire “msconfig”. Sulla scheda Avvio si trovano tutti i programmi che partono con Windows, molti dei quali potremo eliminare. Se non si è sicuri di quali possono essere eliminati, una rapida ricerca su Google dovrebbe chiarire i dubbi. Altrimenti si può telefonare ad un partner microsoft verona per assistenza.

Una practice sicuramente da adottare è quella di deframmentareil portatile ogni due o tre mesi. Ogni volta che apriamo e modifichiamo un file, i cambiamenti dell’archivio si salvano in una zona diversa di dove si trova il file originale. Ciò implica che ogni volta che lo apriamo, il sistema deve cercare “pezzi” dei nostri file nell’hard disk, rallentando tutti i processi in funzionamento in quel momento. Deframmentando il disco, quello che facciamo è mettere insieme tutti i pezzi di file in modo da facilitare la localizzazione dei percorsi e di velocizzare il processo di apertura e gestione dei file. Prima di deframmentare, fai una copia del tuoi file e tieni in considerazione che questa operazione potrebbe impiegare un po’ di ore, soprattutto se non l’hai mai realizzata. Per accedere all’Utilità di deframmentazione dischi basta entrare su Utilità di Sistema assistenza tecnica pc nella sezione Accessori del menù di Windows.

Finalmente, occorre assicurarsi che il rallentamento del computer non sia dovuto ad alcun tipo di spyware istallato nel computer. Nella maggior parte dei casi, per rifiutare questa ipotesi, basterà realizzare uno scan con il proprio programma antivirus.

A cura di Alba L
Prima Posizione Srl – certificazione internet

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl