Un ufficio a misura d'uomo

20/dic/2011 11.20.42 Sara Borsari Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Uno studio del 2010 di Assoufficio-Associazione Federlegnoarredo ha esaminato le normative sulla sicurezza e la salute nei luoghi di lavoro, proponendone possibili integrazioni e migliorie alla luce di diversi e più approfonditi punti di vista. Secondo questa analisi investire in sicurezza salute e benessere – magari optando per sedie operative e poltrone girevoli idonee, illuminazioni adatte, sistemi di areazione funzionali, acustica adeguata, ecc. – favorisce tutte le parti in causa: lavoratori, aziende ed enti pubblici, nella fattispecie Inail e Ministero della Salute. 

Per i lavoratori il trinomio sicurezza-salute-benessere significa salvaguardare le proprie condizioni psicofisiche dentro e fuori il luogo di lavoro, nel presente per il futuro. Per le aziende significa ottenere un aumento di produttività dei dipendenti e una riduzione notevole delle assenze riconducibili a patologie muscolo-scheletriche. Per l'Inail e i servizi sanitari statali significa ridurre i costi della sanità pubblica (risarcimenti, ricoveri, farmaci, visite mediche,...). Federlegno punta l'attenzione su ogni singolo individuo nel contesto del suo posto di lavoro e della sua vita quotidiana. Contesto in cui sicurezza e benessere vanno oltre la prescrizione normativa di evitare situazioni di pericolo secondo certe modalità. In ufficio non è l'uomo che deve adattarsi all'ambiente ma il contrario. 

Un ambiente, quello lavorativo, che dovrebbe essere a tutti gli effetti ergonomico: pensato, progettato, realizzato e/o trasformato in funzione delle relazioni intercorrenti fra essere umano-luogo di lavoro-macchine-oggetti. All'interno di un ufficio, allora, ogni elementi deve avere senso e funzionalità specifiche e su misura del lavoratore e delle sue mansioni. Scopi e usi devono essere armonizzati, sicuri e stimolanti. Il tutto nella consapevolezza che qualsiasi fattore esterno, troppo spesso ignorato o sottovalutato, può sollecitare e incidere sensorialmente sulla persona: la temperatura, le forme, i materiali, i colori, la luce, gli odori, i suoni di una stanza, di un ufficio, di un'azienda.

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl