Metodi per pulire i nostri oggetti d'oro

14/giu/2012 12.40.09 serenapp Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Regalare un oggetto d’oro o un gioiello è una scelta che oggigiorno è tornata di moda, complici i prezzi molto più abbordabili rispetto alla media del prezzo di mercato, che si possono trovare nei negozi compro e vendo oro: per stupire e per regalare un oggetto unico infatti non dobbiamo necessariamente mettere in preventivo la spesa di una fortuna per l’acquisto di un gioiello costoso e nuovo in gioielleria.

I gioielli usati e rimessi a nuovo infatti sono altrettanto belli che quelli che si trovano in gioielleria ed anzi, in alcuni casi nei vendo-oro riusciamo a rintracciare gioielli che rispecchiano linee e mode passate, e che appunto per questo possono rappresentare dei pezzi unici dal sapore “retro” insostituibili per gli amanti del genere.

L’importante a questo punto, quando si ricevono dei gioielli, è imparare a conservarli e a pulire l'oro nella maniera adeguata, con i prodotti giusti e con la frequenza ideale in modo da conservarne la bellezza anche col passare del tempo.

In primo luogo ci sono alcuni gioielli che ci teniamo a conservare adeguatamente perché sono legati ad un periodo particolare della nostra vita (fidanzamento, matrimonio, battesimo, comunione, cresima …) o simboleggiano un passaggio importante della nostra vita (una catenina che ci siamo regalati per festeggiare il nostro primo stipendio, una medaglietta cha abbiamo regalato al nostro cagnolino …).

In commercio ci sono parecchi prodotti specifici per la pulizia dell’oro anche se di solito i più comuni sono in forma di crema e vanno emulsionati per qualche minuto, tramite dei panni morbidi, e poi risciacquati; è bene sempre però accertarsi leggendo le etichette, che nel prodotto in questione non sia contenuto mercurio, dato che questo elemento è la maggiore causa di perdita di lucentezza e del tipico colore grigiastro che colpisce l’oro.

Inoltre quando stiamo per fare la pulizia gioielli, dobbiamo anche considerare il fatto che il trattamento che dobbiamo fare è diverso a seconda anche del fatto che il gioiello sia solamente in oro o che contenga anche pietre preziose, poiché queste ultime sono molto delicate e suscettibili a deterioramento se poste a contatto con sostanze troppo aggressive.

Nel caso più semplice e comune, di pulizia oro giallo, possiamo tranquillamente ricorrere anche a soluzioni più tradizionali e naturali, di certo non aggressive nei confronti dell’oro: un sistema senza controindicazioni infatti, per ottenere dei gioielli splendenti e puliti è quello di immergere il gioiello in un contenitore riempito con acqua a 50°C e frizionarlo con sapone neutro o detergente per piatti non aggressivo; dopo dieci minuti di ammollo si può procedere e spazzolare il gioiello con uno spazzolino a setole morbide, facendo attenzione a passare bene soprattutto le parti a contatto con la pelle, come la parte interna degli anelli, dei bracciali e la parte dei ciondoli che è a contatto con la pelle, dato che il sudore, le creme per il corpo ed i profumi, sono causa di opacità del materiale.

Articolo a cura di Serena Rigato
Prima Posizione Srl- posizionamento su yandex

 

Serena Rigato

 

Prima Posizione Srl

Viale dell'Industria, 60/B - 35129 Padova PD

Tel. 049 7380052- Fax. 049 8172019

www.prima-posizione.it - serena@prima-posizione.it

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl