Ideal standard, fallisce la trattativa. In bilico il rilancio del sito veneto

La mette così Franco Rizzo, della Femca Cisl del Friuli Venezia Giulia, al termine del fallito vertice di ieri al Mise (ministero dello sviluppo economico) tra il gruppo di sanitari e rubinetterie Ideal Standard (di proprietà della compagnia di private equity "Bain Capital" di Boston; ndr) e la cooperativa "Ceramiche IdealScala", che dovrebbe subentrare nelle attività del dismesso stabilimento di Orcenico (Pordenone).

03/dic/2014 18.40.21 IP Report Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

BELLUNO – «Quegli impianti non vanno a Trichiana». La mette così Franco Rizzo, della Femca Cisl del Friuli Venezia Giulia, al termine del fallito vertice di ieri al Mise (ministero dello sviluppo economico) tra il gruppo di sanitari e rubinetterie Ideal Standard (di proprietà della compagnia di private equity "Bain Capital" di Boston; ndr) e la cooperativa "Ceramiche IdealScala", che dovrebbe subentrare nelle attività del dismesso stabilimento di Orcenico (Pordenone). Erano presenti sindacati di categoria, sia veneti che friulani, e rappresentanti delle regioni coinvolte. Di fatto, la trattativa è finita così, con i rappresentanti dell'azienda che si sono alzati abbandonando il tavolo. In palio, faccende friulane e venete che si mescolavano.

 

CONTINUA

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl