Open Day Helios Technology: politici ed esperti sul tema delle rinnovabili

23/giu/2010 15.36.21 Quid Comunicazione Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

L’azienda ha festeggiato il completamento delle sue nuove linee produttive di celle e moduli. Interessanti spunti per il futuro del fotovoltaico sono emersi nel corso dell’evento.

Carmignano di Brenta (Pd). In occasione del completamento delle nuove linee produttive di celle e moduli fotovoltaici, ad elevata automazione e massima sostenibilità, Helios Technology, parte del Gruppo Kerself, ha ospitato sabato 19 giugno presso la propria sede di Carmignano di Brenta (Pd), alcune tra le più importanti cariche politico-istituzionali nazionali e locali, vicine al mondo delle energie sostenibili. Le autorità si sono date appuntamento per discutere sul tema “La tecnologia Made in Italy nelle energie rinnovabili” assieme ai rappresentanti del settore e ai vertici aziendali.

L’Open Day si è aperto con i saluti di Pierangelo Masselli, AD e Presidente di Kerself ed è poi proseguito poi con l’approfondimento tecnico di Mark Rossetto, Direttore “Ricerca&Sviluppo”, che si è soffermato in particolare sull’importanza del “produrre in modo consapevole”, nel rispetto dell’ambiente e della risorse umane. La produzione di Helios Technology è improntata al massimo rispetto dell’ambiente: l’azienda, infatti, in collaborazione con la padovana S.A.I.T.A., ha brevettato un sistema di trattamento integrato a scarico zero delle acque reflue (processo cell manufacturing) a basso impatto ambientale denominato I.W.T. 

La Tavola Rotonda ha visto la partecipazione di ospiti d’eccezione tra i quali Stefano Saglia Sottosegretario Ministero Sviluppo Economico, Roberto Menia Sottosegretario del Ministero dell’Ambiente. Sono intervenuti inoltre Flavio Zanonato e Alessandro Zan, rispettivamente Sindaco e Assessore all’ambiente del Comune di Padova, Tommaso Ruggeri, Assessore alle Attività Produttive del Comune di Vicenza e Carlo Cotogni, Amministratore Delegato XGroup Spa, la cui presenza ha arricchito il dibattito di una nuova prospettiva: «Con XGroup è già iniziato un rapporto di collaborazione – così ha affermato l’AD e Presidente di Kerself Pierangelo Masselli - che potrebbe dare vita ad un’alleanza più stretta per lo sviluppo economico e industriale di un polo italiano del fotovoltaico proprio qui a Padova. Possiamo considerare questo territorio come una Silicon Valley, un centro nevralgico dove si concentra buona parte della produzione italiana di celle e moduli fotovoltaici».

Sulla stessa lunghezza d’onda si è espresso anche Carlo Cotogni, riaffermando che il rapporto di collaborazione tra le due aziende padovane è già realtà.

I sottosegretari hanno espresso il loro plauso nei confronti di un’eccellenza tutta italiana: «Qui alla Helios Technology vediamo la realizzazione di quelli che spesso sono solo slogan», ha detto il Sottosegretario Menia che ha poi affrontato il tema del nucleare: «Nucleare e rinnovabili non sono in competizione. Anzi, si tratta di energie assolutamente compatibili, in quanto entrambe rispettose dell’ambiente. Per l’installazione del nucleare, inoltre, non ci saranno oneri pubblici, sarà tutto a carico degli investitori privati. L’obiettivo di medio termine per il Governo è quello di raggiungere un 50% di energia da fonti fossili, un 25% da fonti rinnovabili e l’altro 25% da nucleare».

«Il solare è una tecnologia promettente non solo per l’ambiente ma anche per l’industria e il lavoro – ha ribadito il Sottosegretario Saglia – Helios Technology è un esempio di quanto il Made in Italy sappia essere competitivo in Italia e nel mondo». Poi un accenno al Conto Energia: «E’ pronto ed entrerà in vigore il 1° gennaio 2011. Il sostegno diminuirà solo per gli impianti di grossa taglia, in proporzione alla riduzione del costo dei pannelli fotovoltaici. Per quelli su tetto, invece, resterà invariato». Gli obiettivi italiani in termini di potenza installata, ha poi aggiunto Saglia, sono di «3 mila MW entro il 2014 e 8 mila entro il 2020».

Infine sull’art. 45 della manovra finanziaria, il Sottosegretario allo Sviluppo Economico, ha precisato: «Intendiamo modificarlo in modo che non siano pregiudicati gli investimenti».

Il Sindaco di Padova Zanonato si è detto «orgoglioso di vivere in una città come Padova, centro importantissimo per la produzione di celle e moduli. Anche come Comune abbiamo scelto di puntare sul fotovoltaico», mentre l’Assessore Zan ha parlato del progetto “Padova Solare” per la promozione del fotovoltaico presso i cittadini.

Le visite ai reparti produttivi (per piccoli gruppi a rotazione) e al corridoio didattico hanno concluso l’appuntamento, consentendo ai partecipanti di scoprire come da una sezione di silicio (wafer) si possa arrivare ad un modulo fotovoltaico capace di trasformare la luce solare in energia elettrica di pronto utilizzo.

 

Ufficio Stampa - Quid Comunicazione.                                                                        

tel. 0444512733 - fax 0444212420.                                                                        

Rif. Dr. Laura Ceccon  (cell. 0039 347 3775409)

laura@quidonline.it. - quid@quidonline.it

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl