Invito al seminario - RIFIUT il SISTRI e le nuove regole di gestione

26/gen/2011 01.56.53 EcoNomos Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
ECONOMOS
Diritto ed Economia dell'Ambiente - Formazione per lo sviluppo sostenibile
________________________________________

Alla cortese attenzione dei responsabili Ambiente & Sicurezza e Formazione.

SEMINARIO OPERATIVO FEBBRAIO 2011
________________________________________


RIFIUTI: il SISTRI e le nuove regole di gestione.
Come sono cambiate le norme e gli adempimenti per la gestione dei rifiuti e quali sono le nuove, pesanti, sanzioni


(Il seminario, aggiornato sia con le modifiche introdotte dai più recenti decreti ministeriali SISTRI sia con le informazioni sulla sperimentazione del software e sulle nuove norme e sanzioni introdotte dal D.Lgs. 205/2010, consente di comprendere: chi deve obbligatoriamente utilizzare il sistema informatico per la tracciabilità dei rifiuti speciali, come funziona il sistema, quali dati devono essere inseriti e in quali schede, quanti dispositivi elettronici è necessario avere e quali sono le responsabilità degli utilizzatori, quando usare le procedure particolari previste per i cantieri, le operazioni di manutenzione, il conferimento ai centri di raccolta comunali, come comportarsi quando i dispositivi elettronici o il sistema non funzionano temporaneamente)

BOLOGNA, 11 FEBBRAIO 2011, ORE 14.15 - 18.30

Il SISTRI, sistema telematico per la tracciabilità dei rifiuti, dal 1° OTTOBRE 2010 ha modificato radicalmente gli adempimenti previsti dalle norme vigenti. Il nuovo sistema sostituisce l'emissione dei formulari e la tenuta dei registri di carico e scarico e prevede, a partire dal 2012, l'abolizione del MUD.

Il SISTRI introduce la più rilevante modifica delle modalità di documentare la gestione dei rifiuti dell'ultimo decennio. Una novità che incide sulla quotidiana attività di oltre 500.000 imprese ed enti, se si considera che la produzione, anche occasionale e in piccole quantità, di rifiuti classificati come pericolosi (solo per citare alcuni esempi: oli minerali esausti, stracci sporchi di olio, molte tipologie di rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche, lampade al neon o a ridotto consumo energetico, pile o accumulatori, batterie al piombo, vernici a base solvente, ecc.) comporta l'obbligo di iscrizione al nuovo sistema telematico di tracciabilità dei rifiuti.
L'iscrizione, inoltre, è prescritta anche per i produttori di rifiuti speciali non pericolosi derivanti da lavorazioni industriali, artigianali, da trattamento o depurazione delle acque e da abbattimento delle emissioni in atmosfera.
Infine, è necessario ricordare che
anche le imprese o gli enti che non sono tenuti ad iscriversi al SISTRI dovranno fornire una serie di dati ai trasportatori professionali di rifiuti, perché saranno questi ultimi ad immettere i dati nel sistema, sostituendosi ai produttori.
Per i soggetti obbligati che non provvedono all'iscrizione al SISTRI, al versamento del contributo o alla registrazione dei dati nel sistema sono previste pesanti sanzioni amministrative
(a regime, nel caso di rifiuti pericolosi, almeno 31mila euro per ciascuna di queste tre violazioni).

EcoNomos è stata la prima organizzazione ad offrire moduli formativi sul tema, maturando una specifica esperienza che consente ai partecipanti di acquisire tutte le nozioni utili a superare i problemi di passaggio al nuovo sistema SISTRI. Ai seminari, infatti hanno partecipato centinaia di aziende, e il docente ha già tenuto, per EcoNomos e altre organizzazioni, decine di seminari su questo tema.

Il Decreto Legislativo di recepimento della Direttiva quadro sui rifiuti (D.Lgs. 205/2010) ha modificato anche le regole da seguire per assicurare una corretta gestione dei rifiuti.
Il seminario operativo, consente di comprendere:
- quali modifiche alla legislazione sui rifiuti sono state introdotte al D.Lgs. 205/2010;
- i fondamenti giuridici del SISTRI;
- Le modifiche introdotte dai D.M. 9 luglio 2010 e 28 settembre 2010;
- Le tipologie di rifiuti e le attività che comportano l’uso del sistema (quali imprese ed enti devono utilizzarlo e perché anche i Comuni sono tenuti a impiegare il SISTRI);
- Semplificazioni per la gestione dei RAEE e SISTRI;
- Il regime transitorio e la piena operatività del SISTRI;
- Quali e quanti sono i dispositivi elettronici e come devono essere utilizzati;
- Che cosa sono e a che cosa servono Il
Registro cronologico e l’Area movimentazione rifiuto del SISTRI;
- Procedura di funzionamento standard:
quali dati devono essere inseriti dai diversi soggetti, come immetterli e con quale anticipo;
- La concreta movimentazione del rifiuto: come modificare l’organizzazione dell’unità locale per far fronte ai nuovi obblighi;
- Le procedure semplificate o alternative: quali e quante sono (cantieri temporanei; rifiuti da manutenzione; movimentazione dei rifiuti delle imprese, degli enti e dei liberi professionisti non sottoposti all’obbligo del SISTRI, ecc.), a quali casi si applicano e come devono essere gestite;
- quali sono le pesanti sanzioni recentemente introdotte per l'omesso uso del SISTRI o per gli errori nella registrazione, trasmissione o conservazione dei dati.

Nel corso del seminario sarà riservato ampio spazio alle domande e alla risoluzione di concreti casi proposti dai partecipanti.

II modulo didattico si propone di:
- spiegare in modo dettagliato e operativo le caratteristiche del sistema telematico per la tracciabilità dei rifiuti che conduce al superamento di formulari, registri e, dal 2012, del MUD;
- consentire ai produttori di rifiuti, agli operatori e ai consulenti di comprendere che cosa realmente cambierà nelle modalità di documentare la gestione dei rifiuti;
- illustrare gli obblighi di documentazione della corretta gestione dei rifiuti durante il regime transitorio che si concluderà il 31 maggio 2011;
- mettere a disposizione le conoscenze operative necessarie per affrontare con successo le nuove prescrizioni legislative e gli adempimenti;
- garantire il necessario aggiornamento normativo;
- mettere a disposizione le conoscenze operative necessarie per affrontare con successo le nuove prescrizioni legislative e gli adempimenti;
- fornire il quadro di riferimento concettuale e
le istruzioni operative per comprendere come passare alle nuove modalità di documentazione della corretta gestione dei rifiuti.

Nel corso dell’incontro verranno esposte tutte le nozioni relative al SISTRI per consentire ai partecipanti di comprendere quali dati inserire nel sistema e come inserirli per poter operare nel rispetto delle nuove disposizioni.

L'analisi della legislazione di riferimento sarà assicurata da uno dei
massimi esperti del settore, e sarà caratterizzata da un'impostazione operativa - consolidata grazie ad una ventennale esperienza di assistenza alle imprese di ogni settore e dimensione - volta alla soluzione dei concreti problemi di gestione.

Il seminario è particolarmente
consigliato ai consulenti ambientali e alle imprese certificate ISO 14001, registrate EMAS o in procinto di raggiungere questi traguardi.

Clicca qui per scaricare il PROGRAMMA:
<</b>http://www.eco-nomos.com/Progr_SISTRIBO.pdf>
Clicca qui per scaricare la SCHEDA DI ISCRIZIONE:
<</b>http://www.eco-nomos.com/Sch_iscr_SISTRIBO.pdf>
________________________________________

NEWS
CORSI E SEMINARI PERSONALIZZATI

Devi modificare le modalità di gestione dei rifiuti per adeguarle al SISTRI e alle nuove norme introdotte dal D.Lgs. 205/2010? Devi formare i "delegati SISTRI" e i loro responsabili? Devi individuare quali unità locali dell'azienda devono essere iscritte al nuovo sistema per la tracciabilità dei rifiuti speciali? Hai raggiunto la certificazione del sistema di gestione ambientale secondo ISO 14001 o la registrazione secondo EMAS e devi garantire l'aggiornamento continuo del personale sulla normativa ambientale? Vuoi realizzare un corso di formazione o un seminario su particolari aspetti del Diritto dell'Ambiente nell'azienda o nell'ente in cui lavori?
Contattaci per
richiedere, senza impegno, una progettazione di massima dei moduli formativi e un'offerta commerciale. Potrai realizzare l'obiettivo contenendo i costi e offrendo un servizio specificamente progettato per soddisfare le esigenze aziendali. Scrivi a: direzione@eco-nomos.com

SISTRI: ULTIMA PROROGA
Prorogato di cinque mesi il periodo transitorio di operatività del SISTRI: dal 1° ottobre 2010 è iniziato il regime transitorio che si concluderà il 31 maggio 2011. Nel corso di questo periodo le imprese e gli enti già dotati dei dispositivi elettronici
sono tenuti ad affiancare il nuovo sistema di documentazione della corretta gestione dei rifiuti a quello tradizionale. Dal 1° giugno 2011 i soggetti obbligati ad utilizzare il SISTRI non potranno più utilizzare registri e formulari.

DAL 25 DICEMBRE 2010 E' ENTRATO IN VIGORE IL DECRETO LEGISLATIVO 205/2010 DI RECEPIMENTO DELLA DIRETTIVA 2008/98/CE
Con l'approvazione delle modifiche alla Parte Quarta del Codice dell'Ambiente (D.Lgs. 152/2006) cambiano le regole per la gestione dei rifiuti prodotti dalle imprese o dali enti, non solo le modalità di documentarne la produzione, il trasporto e il recupero (SISTRI). Nel Decreto legislativo in via di pubblicazione sono state introdotte le sanzioni per il mancato uso del SISTRI o per le omissioni e gli errori nell'inserimento dei dati nel sistema.
________________________________________
I
programmi e le schede di adesione ai seminari possono essere scaricati dalla sezione SEMINARI dei siti:
http://www.eco-nomos.com
http://www.eco-nomos.it

http://www.corsiambiente.it
http://www.corsiambiente.com
http://www.formazioneambiente.it
http://www.formazioneambiente.net
http://www.formazioneambiente.org

Per ulteriori informazioni:
segreteria@eco-nomos.com - segreteria@corsiambiente.it - tel. 02/36503546.
Per pubblicizzare i tuoi prodotti o servizi sui siti precedentemente indicati o su questa newsletter contattaci scrivendo a:
direzione@eco-nomos.com
________________________________________

PregandoLa di scusarci per il disturbo eventualmente arrecato, Le comunichiamo che il Suo indirizzo di posta elettronica è stato acquisito su Internet o su elenchi di pubblico dominio e questo messaggio Le è stato inviato confidando che i temi trattati potessero essere di Suo interesse.
Se non desidera ricevere ulteriori comunicazioni in merito alle iniziative di formazione di ECONOMOS rispedisca al mittente questo messaggio specificando l'indirizzo e-mail da rimuovere dalla lista, provvederemo immediatamente alla definitiva cancellazione del Suo indirizzo.
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl