[listaroma] Presidio contro le pellicce

Il mercato ha infatti attivato altre soluzioni per dare nuova linfa al business, importando le pelli da Paesi caratterizzati da norme facilmente eludibili come la Cina, che fornisce circa l'11% della produzione mondiale di pelli di visoni, oltre 1,5 milioni di pelli di volpi, procioni e un numero incalcolabile di pelli di cane e gatto.

25/feb/2011 18.39.54 OIPA Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
Presidio contro le pellicce
15 milioni sono, ogni anno, gli animali selvatici uccisi per le pellicce. Mentre sono 29 milioni gli animali allevati e poi uccisi.
Gabbie troppo piccole, freddo, condizioni igienico sanitarie inesistenti, stress da detenzione, paura, violenza, sofferenza: sono questi i principali elementi che caratterizzano la vita di milioni di animali, come volpi, ermellini, visoni, cincillà, conigli e tanti altri animali, allevati e fatti riprodurre con il solo scopo di ricavarne pellicce. Vittime sacrificali che hanno la sola colpa di avere un pelo folto, lucente e purtroppo ricercato dall’industria della moda. Perché sono proprio gli stilisti il principale motore di questo continuo e assurdo massacro.
Coloro che “dettano legge” in quanto a eleganza, stile e tendenza hanno decretato che “la pelliccia fa couture”, agevolandone di fatto il ritorno dopo un lungo periodo di crisi del settore.
Negli ultimi anni la pelliccia aveva infatti perso quel fascino che la contraddistingueva in termini di status symbol, fenomeno dovuto in gran parte al lavoro svolto dalle associazioni animaliste che hanno mostrato cosa effettivamente si nasconde dietro certi capi tanto desiderati da molte donne.
Tuttavia  c’è ancora molto da fare visto che la minaccia più consistente arriva da Oriente. Il mercato ha infatti attivato altre soluzioni per dare nuova linfa al business, importando le pelli da Paesi caratterizzati da norme facilmente eludibili come la Cina, che fornisce circa l’11% della produzione mondiale di pelli di visoni, oltre 1,5 milioni di pelli di volpi, procioni e un numero incalcolabile di pelli di cane e gatto.
In questo Paese i nostri amati animali domestici vengono infatti uccisi per impiccagione o percosse, mutilati delle zampe e scuoiati quando spesso sono ancora coscienti, per diventare, ad esempio, la bordatura di un cappuccio, l’interno di una giacca o di un paio di guanti. Il consumatore è spesso inconsapevole di questo silenzioso massacro a causa di una fuorviante etichettatura dei capi che identifica il pelo di cane come gae-wolf, sobaki, o Asian jackal e quello di gatto come wildcat, goyangi o katzenfelle. La mobilitazione internazionale contro questa inumana pratica ha portato il Parlamento Europeo ad approvare, il 19 giugno 2007, il divieto all’importazione e al commercio di pelli di cane e gatti nei Paesi UE.
Certo, il bando europeo si propone in termini di notevole importanza, anche se non riesce a porre fine alle atrocità perpetrate in Cina, ma non solo, nel nome di “stile ed eleganza”. Nei corsi e ricorsi della moda le grandi case sartoriali cercano infatti di cancellare decenni di cultura animalista. Ecco quindi che, a ogni lancio delle nuove collezioni autunno-inverno, c’è sempre chi punta a reintrodurre l’uso della pelliccia sdogandola sottoforma di stole, mantelle, ponchos, coprispalle, colli, sciarpe, borse, cappelli, colbacchi, scaldamuscoli e guanti, cinture, fino ad arrivare a portachiavi e porta cellulari. Quella che altro non è se non la pelle di un povero animale, viene così inserita in oggetti legati al quotidiano, di fatto “normalizzandola”, allontana sempre più l’attenzione del consumatore dal percorso tragico che l’ha prodotta.
Quindi, sabato 26 febbraio 2011 vi invitiamo al presidio per dire che "La crudeltà non è più di moda". L'appuntamento è per le h. 16,00 in Via Cola di Rienzo (angolo Via Paolo Emilio - fronte Coin).
 
Francesca Lavarini

Responsabile OIPA ITALIA Onlus 
Roma e Provincia

366/3033017

roma@oipaitalia.com  

VISITA IL NOSTRO SITO www.oipaitalia-roma.com  

OIPA Italia Onlus

Organizzazione Internazionale Protezione Animali ONG

Affiliata al Dipartimento della Pubblica Informazione dell'ONU

Associazione riconosciuta dal Ministero dell'Ambiente

(DM del 1/8/2007 pubblicato sulla G.U. n. 196 del 24/8/2007)

 

http://www.oipaitalia.com 

Se non vuoi ricevere più e - mail informative sulle nostre attività, mandami un'e - mail che ha come Oggetto Cancellami.

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl