Flavio Cattaneo: Vogliamo investire molto in Sicilia (Repubblica 23 giugno 2011)

26/set/2011 22.21.53 Phinet Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

«Vogliamo investire molto in Sicilia, dai quattro ai cinquecento mln di euro nei prossimi anni». A dirlo è Flavio Cattaneo amministratore delegato di Terna durante la presentazione dell'elettrodotto Sorgente Rizziconi. «La Sicilia - ha aggiunto Cattaneo - per noi è un nodo strategico e questo nuovo elettrodotto è un tassello ulteriore per fare dell'Italia un vero e proprio hub elettrico del Mediterraneo per la trasmissione di energia elettrica. La Sicilia è una piattaforma energetica ideale anche per la sua conformazione geografica per connettere tra loro il Nord Africa e la sponda sud del bacino del Mediterraneo e del centro Europa. Con il nuovo elettrodotto che stiamo presentando oggi si arriveranno a risparmiare diversi milioni di euro. Solo due mesi fa abbiamo concluso e inaugurato un altro importante elettrodotto in Sardegna e lì ora si risparmia fino al 20%, entro due anni speriamo di fare ancora meglio qui».

Tecnologia e Ambiente. 2 grandi sfide per l’elettrodotto Sorgente – Rizziconi . E Terna, batte tutti i record. La campata singola tra un traliccio e l’altro più lunga d’Italia, 1 Km e 300 m.

38km di cavi sottomarini in corrente alternata, a 370 m di profondità tra Calabria e Sicilia.
La spiaggia di Favazzina sarà perforata e percorsa da 6 cavi, che dall’approdo risaliranno per oltre 3 Km , attraverso una galleria scavata in verticale nella montagna. Per arrivare alla stazione elettrica di Scilla, con un dislivello di 650 m.

Un’operazione unica al mondo nel suo genere . Una sfida tecnologica complessa che richiede competenze integrate in un unico grande progetto , ideato e gestito da Terna.
Ma anche una sfida ambientale . Le linee verranno realizzate per la prima volta nel Sud, con i nuovi pali monostelo a bassissimo impatto ambientale . Nelle province di Messina e Reggio Calabria verranno abbattuti circa 170 Km di linee elettriche e 540 tralicci obsoleti.

Previsto un recupero di materiale acciaio, alluminio, vetro, calcestruzzo per circa 2500 tonnellate , oltre 10 volte il peso della Statua della Libertà , e di territorio liberato per circa 264 ettari , circa 270 campi di calcio. La Sorgente Rizziconi consentirà di evitare emissioni di CO2 in atmosfera per circa 670 mila tonnellate annue, corrispondenti a quella emessa da 250 mila automobili .

FONTE: REPUBBLICA TV

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl