Quale pellet scegliere?

Quale pellet scegliere?.

08/nov/2011 10.38.51 Sara Borsari Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Il fuoco è sicuramente il modo più antico per riscaldare le abitazioni, questa forma di combustione, ecologica ed economica, sta prendendo sempre più piede grazie alla diffusione delle stufe a pellet. Una stufa a pellet vanta numerosi punti di forza rispetto ad una tradizione stufa alimentata con legna da ardere. La stufa a pellet infatti non richiede la presenza costante di una persona per l’alimentazione del fuoco, è possibile caricare la stufa e decidere in un secondo tempo quando avverrà l’accensione, anche se a casa non c’è nessuno. Il pellet può essere acquistato praticamente ovunque a differenza della legna da ardere che va acquistata in estate e stoccata in appositi spazi dedicati. Il pellet invece non ha bisogno di tutto questo, lo si acquista tranquillamente in comodi sacchi di plastica pronti all’uso.

Il potere calorifero è molto alto garantendo un riscaldamento omogeneo della stanza. Produce pochissima cenere e la stufa è facilmente pulibile. Ma il grande punto di forza del pellet è la sua sostenibilità ambientale, esso deriva infatti dagli scarti di lavorazione del legno nei processi industriali, ecco quindi che segatura e cippat, privi di leganti e vernici chimiche, vengono recuperati per trasformarli in cilindretti di 6 mm facili da stoccare ed utilizzare. Utilizzando un riscaldamento di questo tipo si può risparmiare il 30% rispetto ad un riscaldamento basato sui combustibili fossili come il metano o il gasolio.

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl