Errata Corrige_CS | Aumento prezzo kWh elettrico: NON imputabile al fotovoltaico

se non visualizzi correttamente il messaggio, clicca qui Alla cortese attenzione di Pubblica Errata Corrige - Comunicato Stampa Aumento prezzo kWh elettrico: NON imputabile al fotovoltaico Un'analisi di ANIE/GIFI dimostra che l'aumento è da ricondurre principalmente alla variazione del costo dei combustibili fossili L'aumento del prezzo medio di riferimento dell'energia elettrica per il I trimestre del 2012 non è imputabile agli incentivi erogati a sostegno dell'industria fotovoltaica italiana se non per una minima parte.

Persone Federico Brucciani, Valerio Natalizia
Luoghi Italia
Organizzazioni GIFI-ANIE, Autorità per l'Energia Elettrica e il Gas, ISTAT
Argomenti economia, commercio

05/gen/2012 11.13.38 GIFI Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
se non visualizzi correttamente il messaggio, clicca qui
Alla cortese attenzione di Pubblica 

logo GIFI

Errata Corrige - Comunicato Stampa

Aumento prezzo kWh elettrico: NON imputabile al fotovoltaico

Un’analisi di ANIE/GIFI dimostra che l’aumento é da ricondurre principalmente alla variazione del costo dei combustibili fossili

L'aumento del prezzo medio di riferimento dell'energia elettrica per il I trimestre del 2012 non è imputabile agli incentivi erogati a sostegno dell'industria fotovoltaica italiana se non per una minima parte. Lo dichiara Valerio Natalizia, Presidente di GIFI-ANIE a seguito di una analisi condotta sui dati forniti dall'Autorità per l'Energia Elettrica ed il Gas (AEEG).

[In allegato la tabella riassuntiva dell'analisi]

Dal 1° gennaio 2012, il prezzo di riferimento dell'energia elettrica sarà 17,305 centesimi di euro per kilowattora, tasse incluse. La spesa media annua della famiglia tipo sarà pari a 467 euro dei quali 32 euro saranno impegnati per incentivare il fotovoltaico.

Le previsioni di aumento di spesa non sono mai notizie piacevoli - continua Natalizia. Recenti indagini e sondaggi condotti da istituti indipendenti hanno però dimostrato che le famiglie italiane sono positivamente disposte a dare il loro contributo, circa 2.7 euro al mese, per sostenere un industria che fino ad oggi ha creato oltre 100.000 posti di lavoro diretti e indotti occupati per lo più da giovani, fatto affluire circa 4 miliardi di euro di tasse nelle casse dello Stato nonché posizionato l'Italia come il primo mercato al mondo nel 2011. Tutto questo senza dimenticare le enormi ricadute ambientali in termini di riduzione di emissioni nocive grazie all'utilizzo di una fonte di energia pulita come il solare fotovoltaico.

Secondo i calcoli effettuati da ANIE/GIFI l’aumento stabilito del 4,9% del kilowattora, rispetto all’ultimo trimestre del 2011, è imputabile al fotovoltaico per meno del 30%, a fronte di circa 70% imputabile alla variazione del costo dei combustibili fossili.

Ci appare pertanto strumentale - argomenta Natalizia - attribuire al solo fotovoltaico la responsabilità degli aumenti del costo dell'elettricità intervenuti a gennaio. Parimenti strumentale ci appare il tentativo di demonizzare le installazioni su terreni agricoli visto che ad oggi, secondo un'analisi di ANIE/GIFI, la superficie occupata dagli impianti fotovoltaici ammonta allo 0.12% della SAU (Superficie Agricola Utilizzata) stimata dall'Istat nel 2011. Inoltre il Decreto Rinnovabili ha introdotto sensibili limitazioni alla realizzazione di grandi impianti in tali aree.

Ricordo infine che l'utilizzo della tecnologia fotovoltaica - conclude Natalizia - ha contribuito nel 2011 alla copertura del 3% circa della domanda nazionale di energia elettrica, evitando i costi per l'importazione dall'estero e rendendo il nostro paese meno dipendente dai precari equilibri geopolitici mondiali.

Per informazioni: Federico Brucciani | 345 74 33 568 | comunicazione@gifi-fv.it
Seguici su: Linkedlinkedinlinkedin
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl