Rincaro benzina ed efficienza dei consumi – un criterio sempre più importante

21/apr/2012 11.51.29 Silvia Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Sempre più spesso, l’efficienza dei consumi è un criterio essenziale nella scelta dell’automobile. La crisi economica e i costi crescenti della benzina non hanno fatto che sottolineare un dato del quale gli scienziati di tutto il mondo erano già perfettamente consapevoli: i combustibili fossili stanno per finire.

Anche se riuscissimo a scoprire nuovi depositi di gas naturale e petrolio, resterebbe il problema della sostenibilità. La combustione di carburante di origine fossile rilascia grandi quantità di anidride carbonica e gas serra nell’atmosfera. Con un ecosistema già così danneggiato, forse non potremo più permetterci di sfruttare questa risorsa. Infine, tralasciando le considerazioni ecologiche, il petrolio non è sostenibile nel lungo termine perché i tempi di rinnovo sono troppo lunghi (milioni di anni), e il nostro utilizzo troppo veloce.

La fine dell’era del petrolio è una minaccia per l’industria automobilistica, ma anche una grande opportunità. Molte case produttrici infatti hanno già cominciato a elaborare nuovi prodotti, in risposta alla richiesta di una maggiore efficienza nei consumi. Nel Saloni dell’automobile non è raro vedere nuovi esemplari di auto ibride ed elettriche, disponibili in vari modelli e categorie.

Le auto di ultima generazione tendono ad avere motori più efficienti, e sempre più persone scelgono di comprare una macchina ibrida nuova quando si tratta di sostituire l’auto precedente. Gli americani sono gli acquirenti più numerosi nel mercato delle auto ibride, seguiti da Giappone ed Europa. L’auto ibrida più venduta in assoluto è la Toyota Prius, che oggi è disponibile anche in versione plug-in. Anche la Honda si è specializzata nella produzione di veicoli ibridi, e la versione ibrida della Accord ha avuto un buon successo di pubblico in America.

Le auto elettriche, invece, restano poco diffuse, a causa sia di problemi ingegneristici inerenti all’uso di un motore elettrico sia della scarsità di stazioni di ricarica sul territorio. Nessuno vuole rischiare di trovarsi in autostrada con la batteria a secco. Tuttavia, gli ibridi potrebbero costituire il primo passo verso una nuova generazione di auto puramente elettriche. E’ da sperare che i depositi di petrolio durino abbastanza da darci il tempo di cambiare il nostro stile di vita senza traumi.

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl