CS | Fotovoltaico: innalzare la soglia del registro per evitare la paralisi del mercato

21/mag/2012 11.06.20 GIFI Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
se non visualizzi correttamente il messaggio, clicca qui
Alla cortese attenzione di Pubblica 

logo GIFI

Comunicato stampa

Fotovoltaico: innalzare la soglia del registro per evitare la paralisi del mercato

ANIE/GIFI seppur contraria al registro ha ritenuto “responsabile” proporre al Governo una soglia di accesso di 200 kW, più compatibile con gli obiettivi di promozione dell’autoconsumo e del controllo della spesa

Milano 21 maggio 2012 – Il 5° Conto Energia è stato scritto con l’obiettivo di contenere la spesa  legata agli incentivi in un’ottica di gestione efficiente e sostenibile delle risorse a disposizione per incentivare l’industria fotovoltaica italiana.

“Seppur l’obiettivo sia condivisibile – dichiara Valerio Natalizia Presidente GIFI-ANIE - ritengo che l’implementazione del registro gestito dal GSE per tutti gli impianti con potenza di picco superiore a 12 kWp non sia lo strumento adatto per perseguirlo.”

“L’adozione del registro con una soglia di accesso così bassa – continua Natalizia – contribuerebbe solo ad aumentare la burocrazia mettendo a forte rischio lo sviluppo sostenibile del mercato anche e soprattutto a causa dell’enorme incertezza inerente la fattibilità dei progetti fotovoltaici a discapito della loro bancabilità. Se poi consideriamo il già difficile accesso al credito per l’industria il quadro che si delinea per il mercato fotovoltaico non è confortante.”

L’impegno di ANIE/GIFI è quello di sensibilizzare Governo e Regioni su questo aspetto che tutta l’associazione ritiene cruciale per la sopravvivenza dell’industria stessa.

“Come avevamo fatto già durante i negoziati per il 4° Conto Energia con il precedente Governo – conclude Natalizia – abbiamo proposto alle Istituzioni l’adozione di un sistema di controllo della spesa virtuoso che all’aumentare della potenza connessa alla rete elettrica preveda un ulteriore decremento della tariffa nel periodo di riferimento successivo. Così facendo la spesa continuerebbe ad essere monitorata e si eliminierebbe l’elemento di insicurezza legato ad una soglia registro troppo bassa”.
Per informazioni: Federico Brucciani | 345 74 33 568 | comunicazione@gifi-fv.it
Seguici su: Linkedlinkedinlinkedin
se vuoi essere cancellato dalle nostre liste, clicca qui
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl