Eolico : perché bisogna regolare

Data la loro dispersione, i parchi eolici non possono essere sempre collegati alla rete di trasporto e sono quindi collegati alla rete di distribuzione, il che complica la trasmissione dei dati di produzione.

19/set/2008 10.12.50 CITEF - Ufficio stampa di Ubifrance in Italia Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

 

La produzione di elettricità di origine eolica si è fortemente sviluppata in Europa e il suo potenziale di crescita è ancora sostenuto. La capacità presente nel Vecchio Continente dovrebbe salire a 67 GW entro la fine del 2008.
Tuttavia questo continuo aumento della quota eolica nella produzione di elettricità rende sempre più complessa la sua integrazione al sistema di trasporto di elettricità e ne aumenta a dismisura i costi.
 
La società di consulenza SIA CONSEIL riprende le raccomandazioni dell’ETSO -European Transmission System Operators Association- (1) che chiede che vengano fissate nuove condizioni perchè l’energia eolica possa rappresentare nel futuro una fonte di energia  conveniente e sicura.
 
La produzione eolica decentralizzata contrasta con la struttura storicamente centralizzata delle reti nazionali 
I progetti di energia eolica sono selezionati principalmente in funzione al potenziale di vento, di criteri ambientali e di accettazione delle popolazioni. Sono scarsamente considerati invece aspetti come la vicinanza alla rete o la prossimità rispetto ai centri di consumo e questo comporta diverse conseguenze.
Prima di tutto, l’elettricità è trasportata su lunghe distanze, cosa che aumenta le perdite di energia in linea e nei nuovi progetti è molto spesso necessario costruire nuove linee elettriche.  Data la loro dispersione, i parchi eolici non possono essere sempre collegati alla rete di trasporto e sono quindi collegati alla rete di distribuzione, il che complica la trasmissione dei dati di produzione.
In caso di forte vento, i flussi dalle zone di produzione verso i centri di consumo possono saturare le linee elettriche. Per esempio, quando la produzione eolica della Germania del Nord è importante, un flusso da Nord verso Sud provoca una serie di congestioni sulla rete, in particolare sulle interconnessioni con i paesi vicini, cosa che riduce le capacità commerciali.
Il carattere fluttuante ed imprevedibile della produzione eolica complica la gestione della rete. 
Dato il suo carattere fluttuante, l’energia eolica non contribuisce all’equilibrio offerta/domanda, né al mantenimento della frequenza e deve essere obbligatoriamente accompagnata da fonti di sostituzione .
Contrariamente alle fonti classiche (energia termica, nucleare ed idraulica), l’eolico non fornisce energia reattiva, necessaria al mantenimento sulla rete di condizioni di tensione accettabile. Nei  periodi di forte vento, la chiusura delle centrali classiche a favore della produzione eolica può comportare un calo di energia reattiva. Questo deficit deve quindi essere compensato con degli appositi dispositivi (condensatori).
Per queste ragioni, nella produzione di elettricità il tasso di energia eolica - al di là del quale le fluttuazioni della produzione diventano di difficile gestione - è stimato tra il 20% ed il 30% della potenza totale. Rispetto a questi tetti, la produzione eolica ha già toccato un livello critico in rapporto alla capacità totale di produzione in tre paesi: la Danimarca, la Germania e la Spagna dove per altro si registra un divario importante tra la capacità teorica e la produzione effettiva (in Danimarca, la capacità installata rappresenta il 24,4% del parco produttivo e il 14,1% in termini di produzione effettiva; in Germania, capacità e produzione sono rispettivamente del 14,8% e di 5,1% ; in Spagna, del 14,1% e del 7,9%)
Inoltre, al momento i costi di gestione dell’eolico sono totalmente a carico del gestore della rete di trasporto, che riversa questi costi sulle tariffe di accesso alla rete pagate dal consumatore finale e non dal produttore.
Come migliorare il tasso di penetrazione e l’efficienza dell’energia eolica ?
Per garantire la sicurezza della rete europea, è quindi importante che si arrivi ad una regolamentazione della produzione di energia eolica.
I distributori di elettricità devono poter ridurre o tagliare la produzione eolica in caso di rischio per il sistema. Deve anche essere rivista la politica del prezzo d’acquisto garantito a favore di altri meccanismi di mercato come quella della cessione di quote di CO2 o di certificati di energia rinnovabile, come peraltro avviene già in Italia a partire dal 2008.
Inoltre per incentivare i produttori a ridurre i costi di gestione, bisogna far sì che essi siano trasferiti a loro carico.
Con queste misure, l’energia eolica non sarà più scelta unicamente in base ai suoi vantaggi ambientali, ma anche su criteri economici e tecnici inducendo una miglior gestione della rete e di conseguenza un aumento del tasso di penetrazione dell’eolico e del beneficio ecologico.
A livello europeo è inoltre auspicabile un’armonizzazione delle regole di accesso alla rete, affinché i progetti siano meglio ripartiti sull’insieme del continente, e non solo nel Paese che ha messo in atto le misure più favorevoli. In effetti, una vasta ripartizione delle macchine eoliche ridurrebbe moltissimo la variabilità della produzione.
 
 
Sia Conseil
(1) ETSO : European Transmission System Operators association, creata nel 1999, rappresenta 35 gestori di rete di 27 Paesi dell’Unione Europea, la Norvegia e la Svizzera.
 
Per ulteriori informazioni:
 
Matteo Neri
Sia Conseil
Roma - Via delle Quattro Fontane 116 - Tel: 06 48 28 506
Milano - Via Morigi 3/A - Tel: 02 86 46 18 88
 
Oppure:
 
CITEF Agenzia Stampa di UBIFRANCE in Italia
Via Morozzo della Rocca, 9 – 20123 Milano
Tel. 02 43980832 - Fax 02 58430363
E-mail: info@citef.it
Sito : www.citef.it
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl