MUD 2009: più semplice per le piccole imprese, più complesso per le altre

Di tutte le novità introdotte dal decreto che ha approvato il nuovo modello unico di dichiarazione ambientale si parlerà a Milano, il 6 febbraio, nel corso di un seminario organizzato da EcoNomos Se nel 2008 in azienda avete prodotto fino a cinque rifiuti, affidandone ognuno a non più di tre trasportatori e a tre impianti di recupero o smaltimento l'anno nuovo vi porta buone novità.

07/gen/2009 09.41.22 EcoNomos Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

 

Obbligo di invio postale o telematico, abolizione della consegna su floppy o CD e nuove categorie di soggetti coinvolti. Di tutte le novità introdotte dal decreto che ha approvato il nuovo modello unico di dichiarazione ambientale si parlerà a Milano, il 6 febbraio, nel corso di un seminario organizzato da EcoNomos

Se nel 2008 in azienda avete prodotto fino a cinque rifiuti, affidandone ognuno a non più di tre trasportatori e a tre impianti di recupero o smaltimento l’anno nuovo vi porta buone novità. Il modello unico di dichiarazione ambientale (MUD 2009) recentemente approvato consente di usare la tradizionale modulistica cartacea semplificata evitando di dover affrontare la complessa procedura per l’invio telematico dei dati sui rifiuti.
 
Notizie meno buone, invece, per le imprese di più grandi dimensioni e per gli operatori del settore: nuove sezioni dedicate ai Rifiuti di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche (RAEE), all’immissione sul mercato di questa tipologia di apparecchi, alla gestione di impianti mobili di trattamento, corredate da nuove schede e da una pluralità di moduli inediti o ridisegnati costringeranno a studiare accuratamente il nuovo decreto per non incorrere nelle pesanti sanzioni previste.
 
Novità anche sul fronte delle modalità di consegna: abolito il floppy disk ed eliminata la possibilità di presentare i MUD agli sportelli delle Camere di commercio. L’invio del modulo di carta sarà consentito solo ai piccoli produttori iniziali di rifiuti, nel rispetto dei requisiti in precedenza indicati, e ai Comuni con meno di cinquemila abitanti.
 
Per aiutare le imprese, gli enti pubblici e gli operatori del settore ad affrontare questo nuovo, impegnativo obbligo, EcoNomos ha organizzato un corso di formazione che si svolgerà a Milano il 6 febbraio 2009. Il maggiore esperto della materia sarà a disposizione dei partecipanti per chiarire ogni dubbio sulla compilazione e la presentazione del MUD 2009.

Scarica il programma: http://www.eco-nomos.com/Progr_RIFNEWS09.pdf

Scarica la scheda di iscrizione: http://www.eco-nomos.com/Sch_iscr_RIFNEWS09.pdf

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl