Casa Zero Energy. In Friuli la prima casa “intelligente”.

Il nastro ufficiale è stato tagliato da Adriano Luci, Presidente di Confindustria di Udine insieme a Loris Clocchiatti, Presidente di Gruppo Polo Le Ville Plus, alla presenza di Stefano Teghil, Assessore Provinciale all'Energia, del Senatore Ferruccio Saro, del Consigliere Regionale Franco Iacop, di Enrico Bertossi, ex Assessore regionale alle attività produttive, e Alessandro Colautti, Presidente della IV Commissione Permanente della Regione FVG.

25/mag/2010 11.24.12 Reportage srl Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Tricesimo (Udine). Dopo il Premio Innovazione di Legambiente e dopo essere stata presentata al convegno mondiale “Sustainable Building” di Melbourne (Australia), CASA ZERO ENERGY ha aperto per la prima volta le sue porte.

 

CASA ZERO ENERGY è il progetto scientifico di ricerca sviluppato dall’azienda Gruppo Polo Le Ville Plus e dal Dipartimento di Ingegneria Civile e Ambientale dell'Università degli Studi di Trento con il supporto della Regione Friuli Venezia Giulia.

 

Il nastro ufficiale è stato tagliato da Adriano Luci, Presidente di Confindustria di Udine insieme a Loris Clocchiatti, Presidente di Gruppo Polo Le Ville Plus, alla presenza di Stefano Teghil, Assessore Provinciale all’Energia, del Senatore Ferruccio Saro, del Consigliere Regionale Franco Iacop, di Enrico Bertossi, ex Assessore  regionale alle attività produttive, e Alessandro Colautti, Presidente della IV Commissione Permanente della Regione FVG.

 

Casa Zero Energy è un progetto unico in Italia, è la prima casa passiva “intelligente” che, con una metratura di oltre 450 mq, è autosufficiente dal punto di vista energetico e autonoma nella gestione degli impianti. La casa non è allacciata alla rete del gas metano, non utilizza nessun tipo di energia proveniente da fonti non rinnovabili (fossili) ed è autonoma, ovvero auto-produce energia da fonti alternative e non inquinanti (pannelli solari, fotovoltaici, pompa di calore, etc…).

Persino la cucina è in vetro 100% riciclabile grazie ad Artematica Vitrum di Valcucine (PN).

 

“La casa – spiega Loris Clocchiatti, Presidente di Gruppo Polo Le Ville Plus - non solo autoproduce tutta l’energia necessaria, ma è stata progettata per richiederne il meno possibile, con l’obiettivo di consumare meno e più consapevolmente nel  rispetto dell’ambiente.

Casa Zero Energy non è un prodotto “vetrina”, ma è un “concetto”, rappresenta uno stile di vita per abitare meglio e in modo più sostenibile e può trovare forma in ogni casa, di qualsiasi metratura o forma, su qualsiasi territorio e terreno.”

 

Ma Casa Zero Energy è anche intelligente: grazie al sistema domotico “Home Sapiens” sviluppato da BPT, l’edificio percepisce le variazioni di luminosità, temperatura, umidità, ecc. per attivare in modo autonomo l’accensione e la regolazione di riscaldamento, climatizzazione, apertura e chiusura degli infissi per garantire così il massimo del comfort abitativo e un notevole risparmio energetico.

“Sono molo soddisfatto della collaborazione instaurata con Le Ville Plus – dichiara l’Amministratore Delegato del Gruppo BPT, Sandro Marcorin - che ci permetterà di far esprimere alle nostre tecnologie il massimo potenziale. Il consolidamento dei progetti legati all’ecosostenibilità, infatti, rappresenta per noi uno degli obiettivi primari e con l’applicazione del sistema domotico Home Sapiens di Casa Zero Energy, possiamo sostenere di aver raggiunto un risultato davvero eccellente”.

 

La casa abitata (da 4 persone) verrà monitorata per 12 mesi in remoto dal Laboratorio di Progettazione Edilizia del Dipartimento di Ingegneria Civile e Ambientale  dell’Università degli studi di Trento per analizzare il comportamento dell’edificio e delle tecnologie applicate.

 

Casa Zero Energy è un esempio di innovazione e di green economy italiana che si è meritato la segnalazione del Premio all’Innovazione Amica dell’Ambiente 2009, il più importante premio italiano del settore, promosso da Legambiente e Regione Lombardia, con la collaborazione di Università Bocconi, Politecnico di Milano, Fondazione Cariplo e Camera di Commercio.

 

 

NEXT STEP: Yokohama, 27 Giugno-2 Luglio 2010: Casa Zero Energy verrà presentata al convegno mondiale Renewable Energy.

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl