Secco a fianco degli specialisti dei Beni Culturali

Secco a fianco degli specialisti dei Beni Culturali.

Persone Alberto Agostini, Antonio Poletto, Secco Sistemi EBE, Alberto Torsello, Renata Codello, Carlo Scarpa, Tobia Scarpa, Salvatore, Enzo, Concepita
Luoghi Italia, Bologna, Genova, Padova, Milano, Siracusa, Reggio Calabria, Venezia, Treviso, Brescia, Ancona, Bari, Vittorio Veneto, Bressanone, Franzensfeste, Noto, Porto Palo, provincia di Siracusa
Organizzazioni Preganziol TV, Università Mediterranea, Università Ca' Foscari, La Società
Argomenti architettura, arte, edilizia

Allegati

07/mag/2011 18.02.05 spazio/parola, comunicare l'edilizia Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

 

 

Descrizione: SP_logo

 

 

Secco Sistemi a fianco degli Specialisti dei Beni culturali

La Società veneta rinnova il proprio impegno nel campo del restauro e del recupero degli edifici storici con una significativa presenza al 27.mo Convegno “Scienza e Beni Culturali” tenutosi dal 21 al 24 giugno a Bressanone

Treviso, 28 giugno 2011 - Secco Sistemi lega sempre di più il proprio nome al mondo del restauro e lo conferma con una qualificata partecipazione al 27.mo Convegno internazionale “Scienza e Beni Culturali”.  L’incontro si è tenuto a Bressanone dal 21 al 24 giugno dove un centinaio di specialisti dei Beni culturali provenienti da tutta Italia si sono confrontati sul tema “Governare l’innovazione – Processi, strutture, materiali e tecnologie tra passato e futuro”.

La manifestazione, che ha visto la partecipazione di soprintendenti e funzionari dei Beni culturali, di tecnologi del restauro, di accademici e architetti, è stata organizzata dal Politecnico di Milano, dall’Università Ca’ Foscari di Venezia e dalle Università degli Studi di Brescia, Genova e Padova, e infine dall’Università Mediterranea di Reggio Calabria.

Tra i prestigiosi interventi di restauro eseguiti con infissi Secco Sistemi ora si può annoverare anche l’ampliamento delle Gallerie dell’Accademia di Belle Arti di Venezia. Un progetto dell’architetto Tobia Scarpa che ha proceduto nel pieno rispetto del progetto del padre, Carlo Scarpa, e che ha scelto per i componenti finestrati gli snelli infissi a taglio termico in bronzo brunito OS2. Una scelta avvalorata anche dalla Soprintendenza per i Beni Architettonici e Paesaggistici di Venezia e Laguna, come ha potuto testimoniare la Soprintendente arch. Renata Codello nella sua comunicazione “I serramenti nel restauro”.

Di restauro, ma nell’ambito di un intervento di edilizia popolare a Vittorio Veneto, ha riferito l’arch. Alberto Torsello, specialista nel restauro e nel recupero di opere architettoniche. Finalizzato all’efficienza energetica e alla sostenibilità, nel rispetto delle strutture originarie e di un pressante vincolo economico, il progetto include una emblematica applicazione di infissi Secco Sistemi EBE 65  in acciaio cor-ten.

Sempre nel corso del Convegno il Direttore tecnico della Società veneta, ing. Antonio Poletto, ha partecipato a una Tavola rotonda sul tema “Efficienza energetica e sostenibilità”  testimoniando che l’industria evoluta e gli artigiani preparati sono pronti alle sfide ambientali ed energetiche che pongono i tempi moderni anche nell’ambito del restauro e del recupero degli edifici storici.

Commentando la partecipazione attiva di Secco Sistemi all’incontro, l’Ing Alberto Agostini, Amministratore delegato dell’azienda, ha sottolineato il forte stimolo che  rappresentano questi momenti di confronto. “Il mondo del restauro deve sicuramente evolvere per modificare il suo approccio ai problemi uscendo dagli schemi classici e cercando una maggiore collaborazione tra i vari attori.  Sopraintendenti, funzionari dei Beni Culturali, Università e aziende del settore devono lavorare insieme per l’innovazione. Ad esempio, la finestra OS2 di Secco Sistemi è nata da una collaborazione di questo tipo. Concepita per soddisfare l’esigenza specifica di un cantiere di restauro, ora è diventata un prodotto internazionalmente riconosciuto dal mercato.”

In effetti, a Bressanone, Secco Sistemi ha dimostrato di rinnovare il proprio impegno sul delicato terreno dei Beni culturali che l’ha già vista a fianco del mondo della progettazione e degli specialisti nel restauro e nel recupero di importanti edifici storici quali Punta della Dogana-Centro d’Arte Contemporanea, Venezia, del Molino Stucky sempre a Venezia, della Biblioteca nazionale e Archivio di Stato a Bari, del Palazzo di Re Enzo a Bologna, del Teatro Dal Verme a Milano, della Mole Vanvitelliana ad Ancona, del Castello Fortezza di Porto Palo - Capo Passero, Siracusa e del Monastero di SS. Salvatore a Noto (SR).

 

Secco Sistemi, società con sede a Treviso, è numero uno nel mercato italiano dei sistemi per facciate e serramenti realizzati in metalli nobili per architettura quali Acciaio, Acciaio inox, Acciaio Cor-ten e Bronzofinestra. Essi trovano impiego nelle nuove costruzioni e nel restauro e nel recupero di edifici storici. I materiali di cui si avvale Secco Sistemi, realizzati con materie prime dei migliori fornitori europei, sono ecosostenibili e riciclabili al 100%.

 

Secco Sistemi

Via Terraglio 195

Preganziol TV

tel. +39.0422.497700

fax +39.0422.497705

info@seccosistemi.it

www.seccosistemi.it

 

 

 

 

 

spazio/parola

Via Silvio Pellico 1

35129 Padova - Italy

Tel. +39 049 7808091

Fax +39 049 775436

www.spazioparola.it

 

 

"Ai sensi del Codice della Privacy, D.Lgs. n. 196/2003, il contenuto di questa mail è coperto dal vincolo di riservatezza. Qualsiasi soggetto diverso dal destinatario è tenuto ad avvertire il mittente e ad astenersi inoltre, dall'utilizzo e comunque dal divulgare in tutto o in parte il suo contenuto."

 

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl