La cedolare secca

23/set/2011 15.51.18 Andrea P Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Affitti case ancona. La cedolare secca è un nuovo tipo di regolamentazione che a partire dall’articolo n. 3 del C. Lgs. 23/2011, modifica la tassazione dei canoni di affitto. Questa possibilità è data in alternativa all’Irpef e alle relative addizionali se si hannno degli immobili dati in affitto come abitazione.  La cedolare secca applica una aliquota del 21% o del 19% se l’immobile è in un comune a canone concordato, al canone di affitto.

Importante è tenere presente che la cedolare è applicabile solo alle persone fisiche e non è possibile estenderla alle imprese o ai lavoratori autonomi. Per poter scegliere questo regime è sufficiente ricorrere al modello 69 oppure al modello Siria, un servizio internet che permette la registrazione dei contratti per immobili usati come abitazione. Il modello si può presentare solamente via internet alla Agenzia delle Entrate ed è valido solamente se si tratta di contratti di locazione, senza altri accordi.

Infine bisogna ricordare che i proprietari che avranno intenzione di optare per la nuova normativa dovranno comunicare all’affittuario di rinunciare al diritto di richiedere l’adeguamento del canone.

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl