Contabilizzatori di calore nuova tecnologia di successo

14/apr/2014 11:08:04 srossi Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Ogni giorno la tecnologia fa passi da gigante, è il caso dei contabilizzatori di calore che sono entrati nella vita di molte persone che hanno scelto di migliorare la propria condizione di benessere casalinga. Entro l’1 agosto del 2014 i contabilizzatori di calore saranno obbligatori, e saranno installati in tutti gli edifici con impianti termici centralizzati. Per prepararsi meglio alla scelta è bene conoscere qualche importante informazione riguardo a questi dispositivi.

I contabilizzatori di calore sono degli apparecchi ausiliari estremamente utili che calcolano dei valori algoritmici invece che dei veri e propri valori fisici, questi numeri rappresentano il consumo energetico del riscaldamento; la particolarità essenziale e innovativa è che il calcolo di questi numeri e del relativo consumo energetico singolo è proporzionale al consumo totale del riscaldamento dell’intero edificio. Viene misurato il calore fornito da ogni termosifone riuscendo così a ripartire i costi del combustibile in maniera proporzionale all’effettivo consumo di calore di ciascun appartamento. La caldaia rimane quella che si è già installata e non viene apportata alcuna modifica. Viene cambiata la pompa di circolazione , si installa infatti una pompa a giri variabili al posto di una pompa a giri fissi, questo perché la portata dell’acqua non è più costante ma cambia in base alle esigenze immediate dell’impianto rispetto alla richiesta del singolo inquilino.

Sulla parte posteriore di ogni apparecchio è collocata una piastra di materiale conduttore che trasmette ai contabilizzatori di calore i segnali relativi al dispendio energetico del termosifone. i contabilizzatori di calore possono essere ad un sensore oppure a due sensori di ricezione. Nel primo caso la cellula sensibile misura solamente il calore del radiatore e procede nel calcolo con una stima del consumo basata sul dispendio degli altri radiatori. Ne secondo caso invece i due sensori permettono di misurare sia il calore emanato dal termosifone, sia la temperatura ambientale. Ciò permette di avere una misurazione più approfondita e precisa che condurrà poi ad avere un consumo minore e di conseguenza un costo notevolmente minore della bolletta. 

Un’altra alternativa vali da che nell’ultimo periodo va per la maggiore la si può trovare negli apparecchi radio che registrano e trasmettono tutti i dati di consumo. I dati specifici sono trasmessi successivamente da un’interfaccia wireless che provvede all’immagazzinamento e alla trasmissione dei dati. Grazie all’utilizzo della tecnologia ad onde radio, la lettura può avvenire a distanza, questo sistema lavora su frequenze certificate e sicure. Tutti i dati rimangono poi memorizzati nell’apparecchio fino all’anno successivo. Grazie a questo sistema ad onde radio vengono garantite letture precise a distanza senza arrecare nessun disturbo agli utenti. Grazie ai contabilizzatori di calore elettronici, questo è possibile, essi infatti permettono di misurare ciò che è realmente utilizzato da ogni singolo appartamento e da ogni singolo radiatore, e da la possibilità di ripartire le spese di riscaldamento tra i condomini in base al vero ed effettivo consumo. Grazie a questa tecnologia si ottiene una soluzione evoluta che garantisce allo stesso tempo l’indipendenza totale e la sicurezza assoluta a tutti gli utenti che possiedono impianti di riscaldamento centralizzati. Un corretto utilizzo dell’impianto di riscaldamento può generare un risparmio del 30% circa sulle spese annuali.

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl