Contabilizzatori calore per conoscere il risparmio

24/apr/2014 11:23:19 srossi Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

L’1 agosto è la data di scadenza entro il quale bisognerà apportare alcune modifiche al proprio impianto di riscaldamento centralizzato. Questo cambiamento sta nei contabilizzatori calore che saranno obbligatori per legge in tutta la Lombardia e Piemonte. Scopriamo perché conviene installare questi nuovi apparecchi.

I contabilizzatori calore entrano in funzione al fine di calcolare i costi di riscaldamento e di misurare il consumo energetico. L’ausilio di questo apparecchio è essenziale ed estremamente utile, questo infatti non misura nessun valore fisico ma calcola degli algoritmi matematici, numeri che rappresentano il valore del consumo del singolo rispetto alla proporzione del consumo totale del riscaldamento dell’edificio. Viene misurato il calore fornito da ogni termosifone riuscendo così a ripartire i costi del combustibile in modo proporzionale all’effettivo consumo di calore di ciascun appartamento. La caldaia rimane quella che si è già installata e non viene apportata alcuna modifica. Viene cambiata la pompa di circolazione , si installa infatti una pompa a giri variabili al posto di una pompa a giri fissi, questo perché la portata dell’acqua non è più costante ma cambia in base alle esigenze immediate dell’impianto rispetto alla richiesta del singolo inquilino.

Sul retro di questi apparecchi è presente una piastra metallica che trasmette ai contabilizzatori calore i segnali relativi al dispendio energetico del radiatore. Possiamo trovare dei contabilizzatori ad uno o a due sensori.  Il primo misura solamente la temperatura del radiatore e fa una stima del consumo basata sul dispendio degli altri radiatori. Il secondo invece misura sia il calore del radiatore sia quello ambientale permettendo di avere una misurazione più precisa che porterà a un consumo minore e quindi a un costo minore della bolletta. La programmazione dei dispositivi è effettuata individualmente per ogni radiatore.

Gli apparecchi radio costituiscono una valida alternativa, e nell’ultimo periodo questa soluzione va perla maggiore perché grazie a questi vengono automaticamente registrati e trasmessi tutti i dati reali di consumo. Questi dati sono trasmessi successivamente da un’interfaccia wireless che provvede all’immagazzinamento e alla trasmissione dei dati. Grazie all’utilizzo della tecnologia ad onde radio, la lettura può avvenire a distanza, questo sistema lavora su frequenze certificate e sicure. Tutti i dati rimangono poi memorizzati nell’apparecchio fino all’anno successivo. I contabilizzatori calore ad onde radio garantiscono letture precise a distanza senza arrecare alcun disturbo all’utenza, e forniscono dati precisi e sicuri calcolando ciò che si è realmente consumato in ogni singolo radiatore. Con questa tecnologia si ottiene una soluzione evoluta che garantisce allo stesso tempo l’indipendenza totale e la sicurezza assoluta a tutti gli utenti che possiedono impianti di riscaldamento centralizzati. Un corretto utilizzo dell’impianto di riscaldamento può generare un risparmio del 30% circa sulle spese annuali.

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl