Impianti elettrici civili l’impianto alla regola d’arte

22/mag/2014 16:47:16 srossi Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
Un impianto elettrico è, all’interno del campo dell’energia elettrica, tutto l’insieme di apparecchiature elettriche, meccaniche e fisiche atte alla trasmissione e all’utilizzo di energia elettrica. Di questi fanno parte gli impianti elettrici civili e industriali. Il professionista che si occupa della realizzazione, la messa in atto e della manutenzione di tali impianti è l’elettricista.
Già nel 1990 era prevista una legge per avere degli impianti elettrici civili a norma. La Legge 46/90 ora è stata sostituita dal D.M. 37 del 22 gennaio 2008 ( G.U. n. 61 del 12/03/2008) e anche dal D.L 25 giugno 2008 n 112, "Regolamento concernente l'attuazione dell'articolo 11, comma 13, lettera a) della legge n. 248 del 2 dicembre 2005, recante riordino delle disposizioni in materia di attività di installazione degli impianti all'interno degli edifici"; questo stabilisce quali siano i soggetti abilitati a progettare e realizzare le principali tipologie di impianti relativi a tutti gli edifici e a quali obblighi e prescrizioni debbano attenersi tali soggetti.
Negli impianti elettrici civili, sono fondamentali nella progettazione, nella realizzazione e nel collaudo le norme del Comitato Elettrotecnico Italiano (CEI). Gli impianti elettrici in bassa tensione alimentati da un ente elettro commerciale devono comprendere un impianto di messa a terra (sistema TT) poiché necessario per la protezione dai contatti indiretti. 
Negli impianti elettrici civili possono verificarsi guasti o malfunzionamenti. Per evitare seri problemi con l’impianto che potrebbero causare delle situazioni spiacevoli o pericolose, bisogna verificare di avere un impianto elettrico a norma. Così le situazioni pericolose si possono maggiormente evitare.  Le principali situazioni anomale in cui un impianto elettrico si può trovare sono:
 Cortocircuito: problema dovuto a un difetto d'isolamento che danneggia le apparecchiature e indirettamente le persone;
dispersione elettrica: problema dovuto a un difetto d'isolamento, che danneggia le persone;
Sovraccarico: problema dovuto a un dimensionamento sbagliato dei conduttori o a carichi troppo elevati, che deteriora le apparecchiature e può portare, nel tempo, a cortocircuiti e dispersioni;
Sovratensione: problema dovuto a un fulmine o a un altro effetto fisico indesiderato, che danneggia le apparecchiature.
Per fare in modo che questi eventi non producano danni alle persone o alle cose, gli impianti elettrici civili devono essere installati appositi apparecchi di protezione, come ad esempio un interruttore magnetotermico per la protezione termica, magnetica, e per i sovraccarichi. Oppure si può usufruire dell’aiuto di un interruttore differenziale (salvavita) che protegge dalle dispersioni elettriche. Oppure un fusibile che è un dispositivo per la protezione contro le sovracorrenti.
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl