Valvole termostatiche e contabilizzatori di calore. Che cosa sono?

04/giu/2014 16:16:05 srossi Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
Spesso sentiamo parlare di risparmio energetico, e ancora più spesso allegato al concetto di risparmio energetico c’è quello di risparmio economico. Entrambe le cose le possiamo ottenere con le famose e moderne valvole termostatiche e contabilizzatori di calore. All’interno degli impianti di riscaldamento questi strumenti sono molto importanti perché, come precedentemente detto, aiutano ad avere un comfort migliore spendendo di meno e consumando notevolmente meno. Vediamo cosa sono queste nuove strumentazioni per capire il loro funzionamento e perché è conveniente usarle. 
Valvole termostatiche e contabilizzatori di calore sono strumentazioni che abbinate consentono il migliore rapporto qualità prezzo. Partendo dalle valvole termostatiche si tratta di valvole che vengono applicate molto semplicemente e velocemente ai caloriferi per permettere il regolare flusso dell’acqua all’interno degli stessi radiatori. La regolazione avviene in modo tale da poter liberamente scegliere la temperatura richiesta nel singolo ambiente, con lo scopo di evitare gli sprechi e migliorare il benessere degli utenti avendo la possibilità di stabilizzare la temperatura a diversi livelli nei differenti locali. L’installazione delle valvole avviene in maniera veloce e senza grossi cambiamenti; a ogni termosifone viene cambiata la valvola precedente con la valvola termostatica che in maniera totalmente automatica comincerà a regolare il flusso d’acqua di passaggio nei radiatori in base al valore che si era precedentemente scelto. Questo permette di deviare l’acqua calda in un’altra stanza, ma anche di diminuire complessivamente la portata di flusso di liquido riscaldante. Così avremo un risparmio veramente notevole che si aggira attorno al 20-30% in meno sulla bolletta.
Il sistema è formato da valvole termostatiche e contabilizzatori di calore, avendo già parlato del primo tratteremo ora del secondo componente. I contabilizzatori di calore sono degli apparecchi elettronici che entrano in funzione al fine di calcolare i costi del riscaldamento e di misurare il consumo energetico. L’ausilio di quest’apparecchio si è dimostrato essenziale poiché, non misurando un valore fisico ma calcolando algoritmi matematici, riporta dei numeri che rappresentano il valore del singolo consumatore rispetto alla proporzione del consumo totale del riscaldamento dell’intero edificio. Viene misurato il calore fornito da ogni termosifone riuscendo così a ripartire i costi del combustibile in modo proporzionale all’effettivo consumo di calore di ciascun appartamento. La modifica che bisogna apportare all’impianto per l’installazione dei contabilizzatori, è semplicemente un cambiamento della pompa di circolazione. Viene, infatti, installata una pompa a giri variabili al posto di una a giri fissi, proprio perché come detto prima la portata dell’acqua non è più costante, ma cambia in base alle singole esigenze che sono immediatamente richieste all’impianto per conto del singolo utente. Sul retro di questi apparecchi è presente una piastra metallica che trasmette ai contabilizzatori calore i segnali concernenti il dispendio energetico del radiatore. Possiamo trovare dei contabilizzatori a uno o a due sensori.  Il primo misura solamente la temperatura del radiatore e fa una stima del consumo basata sul dispendio degli altri radiatori. Il secondo invece misura sia il calore del radiatore sia quello ambientale permettendo di avere una misurazione più precisa che porterà a un consumo minore e quindi a un costo inferiore della bolletta. La programmazione dei dispositivi è effettuata individualmente per ogni radiatore.
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl