Impermeabilizzare un terrazzo in legno

Impermeabilizzare un terrazzo in legno.

03/feb/2016 19.07.19 DadoNet Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Impermeabilizzare un terrazzo in legno

Un rivestimento ligneo ha un effetto elegante. Quando si pianificano degli interventi, però, ci sono alcuni aspetti da considerare

Possedere un terrazzo è già un vantaggio: un’estensione della casa dove passare delle piacevoli ore estive, magari di sera, invitando qualche amico. Se il suo rivestimento è in legno, poi, con gli ospiti si fa una figura particolarmente bella.

Accorgimenti per la manutenzione
Un grande spazio esterno rivestito, tuttavia, richiede una manutenzione attenta, per far sì che non si rovini e conservi inalterate le sue caratteristiche. D’altro canto, una buona copertura è delicata, esposta alle intemperie e alle infiltrazioni, sicché bisogna essere previdenti. È una buona idea pensare già durante le fasi di allestimento all’impermeabilizzazione dei terrazzi in legno, sebbene non si tratti di una misura cautelativa definitiva. Insomma, talvolta può perfino risultare sufficiente, talaltra non scongiura la possibilità che si debbano applicare interventi periodici, addirittura molto accurati. In realtà, senza creare grossi disagi, ci si può arrangiare ricorrendo alle soluzioni più classiche: liquidi specifici o resine, da utilizzare a mo’ di guaine. Ma è fondamentale controllare preventivamente che i prodotti che ci si appresta ad applicare siano compatibili per l’appunto con il legno, o si rischia di rovinare la pavimentazione per un altro verso.

Procedure standard
Non è detto che sia necessario eliminare la guaina preesistente; tra l’altro è un’operazione costosa. A ogni modo, è il caso di sondare il terreno, come si suol dire (qui più che in altri frangenti): c’è già un danno? E se c’è, quanto è progredito? L’operazione di “restauro” è relativamente complicata, eppure può diventare meno “traumatica”, finanche economicamente, se si effettuano dei controlli e di conseguenza degli aggiustamenti periodici. È l’unico percorso che evita spiacevoli sorprese e che consente di ottenere situazioni più sicure e durature. Senza contare le varianti legate al clima o alla frequenza delle piogge, che invece non vanno prese sottogamba.

 

Avete un terrazzo? Lo curate?

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl