Rischio Vulcani: intervista alla vulcanologa Mugnos, ospite a Rai News 24‏

Rischio Vulcani: intervista alla vulcanologa Mugnos, ospite a Rai News 24_ Nota per la stampaPer informazioni e interviste 0547 346339 ufficiostampa@gruppomacro.net Rischio Vulcani: ne parla Sabrina Mugnos, geochimica e vulcanologa, ospite a Rai News 24 Cesena, 25 maggio 2010 _" Mentre l'attività del vulcano islandese Eyjafjallajokull diminuisce, per gli esperti rimane difficile prevedere se si tratterà semplicemente di una pausa o della fine dell'attività del vulcano.

25/mag/2010 12.43.59 Macro Gruppo Editoriale Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

gruppo_editoriale_macro_logopcNota per la stampa
Per informazioni e interviste 0547 346339
ufficiostampa@gruppomacro.net


Rischio Vulcani: ne parla Sabrina Mugnos, geochimica e vulcanologa, ospite a Rai News 24

nube-vulcano-islandese

Cesena, 25 maggio 2010 �“ Mentre l’attività del vulcano islandese Eyjafjallajokull diminuisce, per gli esperti rimane difficile prevedere se si tratterà semplicemente di una pausa o della fine dell’attività del vulcano. Non è quindi scampato il rischio di altri disagi aerei e ci si continua ad interrogare sugli effetti a lungo termine dell’eruzione sul clima e sulla salute umana. Sabrina Mugnos, geochimica e astrobiologa ha recentemente parlato del rischio vulcani a Rai News 24. La scienziata, esperta di civiltà antiche, affronta l’argomento anche nel libro I Maya e il 2012 �“ È possibile prevedere la fine del mondo? Un’indagine scientifica(Macro Edizioni 2010) in cui cerca di fare chiarezza sulla non ben definita “profezia” Maya che annuncerebbe la “fine del mondo”.

Abbiamo approfittato dell’ottima preparazione di Sabrina Mugnos per farle alcune domande sullo scenario aperto dall’eruzione del vulcano islandese. È possibile visionare “La furia dei vulcani”, la puntata di Rai News 24  in cui è intervenuta a questo link: http://altrevoci.blog.rainews24.it/2010/05/19/la-furia-dei-vulcani/.

Cos’ha provocato l’eruzione del vulcano Eyjafjallajokull?

Non c'è un fenomeno scatenante alla base di tali tipi di eruzioni. Nella fattispecie l'Islanda, che è una sorta di emersione della Dorsale Medio Oceanica dove avviene una continua fuoriuscita di magma a seguito di forze distensive (che in circa 200 milioni di anni hanno creato l'Oceano Atlantico allontanando le Americhe da Africa e Eurasia), è una terra in perenne attività sismica e vulcanica, e l'eruzione alla quale abbiamo assistito in queste settimane rientra nella sua attività ordinaria.

 

Ci sono rischi per la salute umana?

I vulcani possono influire sulla salute (e l'incolumità) umana in vari modi. Gli effetti più pericolosi e violenti sono i flussi piroclastici, dove nubi roventi e velocissime radono letteralmente al suolo tutto ciò che incontrano sul loro percorso entro un raggio di alcune decine di chilometri dalla bocca eruttiva. Tali episodi sono anche accompagnati dalla ricaduta di copiose quantità di cenere, che oltre ad inquinare il territorio circostante con conseguenze disastrose per l'agricoltura ed i pascoli, in alte concentrazioni possono essere dannose, se inalate,per la salute umana. Ma tutto ciò non rientra nella tipologia eruttiva del vulcano islandese in questione, ma di altri vulcani tipo il Vesuvio, per esempio..

Quali invece le possibili ripercussioni sul clima?

L'alterazione del clima è il fenomeno indiretto legato alle eruzioni vulcaniche che più preoccupa.Quando le colonne di cenere e gas sono dense e compatte e raggiungono ragguardevoli altezze (superiori ai 10 km), entrando in circolo nell'alta atmosfera ed essendo smaltite molto lentamente, possono alterare il clima. In particolare la cenere e l'acido solforico che si genera come combinazione tra l'anidride solforosa emessa dal vulcano e il vapor acqueo atmosferico, tende a produrre un raffreddamento del pianeta. Ma rientriamo sempre nella casistica di eruzioni potenti come quelle del Tambora (1815) in Indonesia, Krakatoa (1883) Indonesia, Pinatubo (1991) Filippine, ecc..

Possiamo aspettarci altri fenomeni di questo tipo a breve?

Il nostro pianeta è geologicamente vivo e turbolento; quindi i fenomeni sismici e vulcanici sono all'ordine del giorno. Ma mentre i sismi sono repentini e assolutamente non prevedibili (ovvero non possiamo sapere quando esattamente avverrà un terremoto, ma solo che l'area è sismica e a rischio costante più o meno elevato), le eruzioni violente danno un preavviso prima di manifestarsi, dandoci il tempo di evacuare la zona e correre parzialmente ai ripari. Ma ritornando alla tipologia eruttiva del vulcano islandese, ripeto, è quasi ordinaria amministrazione, come del resto il nostro Etna. In questi casi si hanno più disagi logistici ed economici.

E’vero che in Islanda c’è allarme anche per altri tre vulcani?

Difficile dirlo. Tutta la nostra scienza, purtroppo, non potrà mai cancellare un certo grado di imprevedibilità della natura. Per esempio, al termine dell'ultima eruzione del vulcano Eyjafjallajokull avvenuta tra il 1823 e il 1824, eruttò anche il vicino Katla leggermente più potente e appartenente allo stesso sistema vulcanico. E nulla esclude che ciò potrebbe verificarsi.Ma l'Islanda ricorda tristemente un'altra eruzione, ben più disastrosa, del vulcano Laki, che nel 1783, eruttando qualcosa come 120 milioni di tonnellate di anidride solforosa e fluoro, sterminò il 50% del bestiame (per fluorosi ossea e dentale)e, di conseguenza, innescò una carestia che uccise il 25% della popolazione.

In Internet si legge anche qualche commento che mette in correlazione l’evento con le profezie Maya sul 2012 e la “fine del mondo”. Quanto c’è di vero e plausibile in questo?

Sono colossali sciocchezze. Come sa ho scritto un libro sull'argomento proprio per scongiurare tali tipi di malintesi o, meglio, terroristiche manipolazioni dell'opinione pubblica da parte di millantatori e fanatici. Suggerisco a tutti coloro che abbiano dubbi e timori in proposito di rivolgersi a studiosi accreditati per sapere come stanno realmente le cose. Ed è proprio il lavoro che sta facendo la Redazione del mio blog (www.sabrinamugnos.com)

 

foto_mugnosSabrina Mugnos, laureata in geologia con indirizzo geochimico - vulcanologico presso l’Università degli studi di Pisa, si è poi specializzata nello studio dell’Esobiologia, diventando membro del SETI Permanent Study Group dell'Accademia Internazionale di Astronautica, del Seti - Italia (presso la Stazione Radioastronomica di Medicina �“ Bologna) e del Centro Studi di Esobiologia (CSE) di Milano, oltre che socia della Società Italiana di Scienze Naturali. Divulgatrice scientifica di professione, tiene corsi, conferenze e convegni internazionali relativamente all'Astrobiologia ed all’Archeoastronomia. Giornalista freelance, scrive per diverse testate scientifiche, ed è ospite di diverse trasmissioni televisive e radio relativamente alle suddette tematiche.

I Maya e il 2012 (Macro Edizioni 2010), rappresenta una risposta scientifica al caos mediatico che si è creato attorno a questa data.
L’autrice,studiosa di civiltà antiche, parte dalle domande più semplici: cosa c’è di vero in tutto questo? Quali sono i fatti concreti intorno ai quali è stata costruita la scadenza del 2012? L’umanità e il nostro pianeta sono realmente esposti a fenomeni naturali che potrebbero scatenare dei cataclismi? Se sì, quali? E questi drammatici eventi possono davvero essere stati predetti dai Maya?

 

 

Per informazioni e richieste del libro contattare
l’Ufficio Stampa del Gruppo Editoriale Macro:
ufficiostampa@gruppomacro.net �“ 0547 346339

 

 

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl