In tutte le librerie "Sfida al patriarcato" di Tea Frigerio, lettura femminista del libro di Rut. Per rileggere, decostruire e ricostruire la storia delle donne

In tutte le librerie "Sfida al patriarcato" di Tea Frigerio, lettura femminista del libro di Rut.

Persone Monica Martinelli, Lucia Weiler Sfida, Tea Frigerio Missionaria, Rut Il, Mosè, Sara, Noemi, Sam
Luoghi Italia, Bologna, Brasile, Belém
Argomenti cristianesimo, Bibbia, letteratura, anatomia

14/ott/2011 16.56.38 monica martinelli EMI Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

 

Editrice Missionaria Italiana

Via di Corticella, 179/4 40128 Bologna

tel 051/326027- fax 051/327552 - cell. 3313996944

www.emi.it sermis@emi.it stampa@emi.it

 

 

COMUNICATO STAMPA

 

Il cammino è già stato aperto da molto tempo.

I silenzi sono stati individuati, e tuttavia ci insegnano che la Verità piena

è opera dello Spirito, che in ebraico ha nome femminile Ruha.

 Sotto le sue ali pongo questo lavoro.”

 

 

di Tea Frigerio

 

Sfida al patriarcato

 

Lettura femminista del libro di Rut

 

 

 

Il libro della missionaria saveriana Tea Frigerio, Sfida al patriarcato, nasce da un interrogativo: è possibile che la Bibbia sia stata usata dal patriarcato per legittimare, inculcare e diffondere sempre più l’antagonismo atavico delle donne?

Il Testo sacro evita di parlare delle donne, si dimentica, o più semplicemente non tiene conto del ruolo che la donna ha svolto nel corso della Storia e nel processo di liberazione. Se proviamo a cogliere nei testi le intenzioni degli autori o delle autrici, percepiamo che generalmente gli interessi patriarcali sono dominanti.

 

Le Scritture di mano maschile sottolineano l’antagonismo e l’inimicizia tra donne e adottano così il "divide et impera" che permette al potere patriarcale di perpetuarsi. Allora come oggi. Ma nell’elenco di figure femminili presenti nel Testo sacro, tra le pagine del Libro di Rut, brilla l’amicizia complice fra due grandi donne: Noemi e Rut, nuora e suocera (in Rt 1, 15-18).

 

E se Rut lo avesse scritto una donna?… Una donna saggia, con il senso dell'humour e dell'ironia.

Questa breve opera inserita tra i "libri storici" del Primo Testamento potrebbe trarre origine proprio da una cultura femminile e il commento dell’Autrice batte questa pista. A partire dal testo ebraico mostra, con la sua traduzione, come gli esegeti di sesso maschile abbiano sistematicamente ignorato gli indizi di una scrittura femminile, mentre la grammatica ebraica sottolinea il protagonismo di Noemi e Rut e la grandezza della loro proposta: una alleanza tra donne che genera Vita.

 

Il libro di Rut, in questa prospettiva, ci aiuta a rileggere, decostruire e ricostruire la storia delle donne, a sentire la loro presenza dove incontriamo silenzi e vuoti.

A partire dallo studio di un testo biblico, è possibile quindi  legittimare il femminismo che parla di sororità e solidarietà tra le donne, e percorrere il cammino che ci rivela interpretazioni da smascherare, decostruire e rigenerale a partire da nuove comprensioni.

 

Tea Frigerio

Missionaria saveriana, è in Brasile dal 1974. Vive nella periferia di Belém (Pará). Insegnante di Sacra Scrittura, è stata coordinatrice del dipartimento di pastorale dell'Istituto di pastorale regionale (Ipar) e direttrice dello stesso. Dal 1985 è membro del Centro studi biblici (Cebi), del quale coordina il programma di formazione. Dal 1999 è anche animatrice del cammino di Lettura popolare della Bibbia in Italia.

 


 

 Ancora oggi, come in passato..

(brano tratto dall'introduzione di Sfida al patriarcato di Tea Frigerio, pp. 15)

 

“Ancora oggi, come in passato, non si tiene conto del ruolo fondamentale delle donne nel processo di liberazione. Ne sono state protagoniste in tale misura che, senza la loro azione, senza il loro coraggio, senza la loro disponibilità a rischiare la propria vita, non ci sarebbe stato un Mosè (Es 2,1-10). Oggi le donne sono ancora protagoniste, con la loro azione e la loro fede, in un mondo violento dove la vita è costantemente minacciata.

 

Ancora oggi, come in passato, esistono donne anziane che, come Sara (Gen 18,9-15), ridono e generano figli e mondi nuovi. Amiche tra loro, superano l’antagonismo atavico: non disprezzano le donne che il mondo usa, maltratta e denigra, né quelle che si dedicano esclusivamente alla cura della propria famiglia.

 

Ancora oggi, come in passato, vi sono donne che gridano e piangono i figli e i mariti umiliati, annullati, senza futuro, dispersi, morti (2 Sam 21,1-14): grido e pianto che diventano profezia e spiritualità di resistenza contro i poteri della morte.

 

Ancora oggi, come in passato, vi sono donne che, in un mondo principalmente maschile, prendono decisioni con giustizia (Gdc 4,4-10), aprono sentieri e indicano cammini possibili per riconquistare diritti usurpati, curare e risanare corpi umani feriti e il corpo violentato della terra.

 

Ancora oggi, come in passato, esistono donne che in tutto il mondo organizzano autentici «golpe» di complicità in favore della vita, difendendola e generando liberazione (Gdt 10,1-6).

 

Ancora oggi, come in passato, esistono donne che diffidano e sospettano della storia patriarcale. La decostruiscono, mostrando come essa esalti relazioni di competizione, antagonismo ed esclusione, e come sostenga la vittoria del forte sopra il debole (1 Sam 2,1-10). Costruiscono invece nuove relazioni di amicizia e complicità, cameratismo e fiducia, condivisione e gratuità.

 

Non limitiamoci a provare irritazione nel percepire i vuoti, nel renderci conto che le donne continuano ad essere ignorate, presentate come uguali e diseguali nello stesso tempo, come antagoniste e nemiche (Gen 29,31-30,24). La sfida del nostro tempo è quella di aprire gli occhi e le orecchie per scoprirle, ascoltarle e accogliere le loro proposte. Da questa sensibilità dipende la possibilità di fare dell’universo uno spazio per la nascita di nuova vita.”

 

 

Vai all'indice

Vai alla presentazione di Lucia Weiler




 

  

Sfida al patriarcato. Lettura femminista del libro di Rut

di Tea Frigerio

pp. 112 - euro 10,00

 

 

 

  

 

Ufficio stampa : Monica Martinelli, stampa@emi.it,  tel. 051 326027, cell. 331 3996944

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl