In libreria: "Più in alto del sole" Testi scelti del Beato Clemente Vismara, missionario del Pime in Birmania - a cura di Gerolamo Fazzini

26/ott/2011 11.44.32 monica martinelli EMI Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

 

Editrice Missionaria Italiana

Via di Corticella, 179/4 40128 Bologna

Tel 051/326027- fax 051/327552 - cell. 3313996944

www.emi.it   sermis@emi.it   stampa@emi.it

 

 

COMUNICATO STAMPA

 

a cura di Gerolamo Fazzini

 

In libreria: Più in alto del sole

Testi scelti del Beato Clemente Vismara, missionario del Pime in Birmania

 

Padre Clemente Vismara è stato missionario del Pime in Birmania per 65 anni e la sua vicenda si intreccia con la convulsa, e a tratti drammatica, storia del Paese asia­tico, oggi Myanmar.

Padre Clemente si è distinto per l’intensa attività educativa: per tutta la vita ha raccolto orfani, bambini abbandonati, disabili e rifiutati dalle famiglie, con i quali ha condiviso uno stile di povertà, fraternità e gioia. Ha vissuto come tanti missionari del suo tempo, con uno spirito eccezionale di amore e fiducia nella Provvidenza.

Una testimonianza contagiosa: pochi anni dopo la sua morte, su iniziativa di un gruppo di laici del paese natale e della diocesi birmana di Kengtung, viene avviata dal cardinale Carlo Maria Martini la causa di beatificazione. Padre Vismara è stato proclamato Beato il 26 giugno 2011.

Gerolamo Fazzini (Verona, 1962) è direttore del sito MissiOnLine.org e di Mondo e Missione, testate del PIME. Dal 1985 scrive per il quotidiano Avvenire; vi ha lavorato dal 1997 al 2001 come responsabile dell’informazione religiosa. Ha diretto un settimanale locale, Il Resegone, a lungo voce di Lecco, la città dove abita, insieme con la moglie e due figli. Viaggia volentieri per raccontare altri popoli, altre Chiese e altre fedi. Ha scritto alcuni libri; l’ultimo, curato insieme a p. Angelo Lazzarotto, è «Cattolici in Cina» (San Paolo 2008).

 

Vivere senza altro ideale che menar la gamba, per qualsiasi uomo credo che sia la pena maggiore, vorrebbe dire un tramonto molto scialbo. Noi dobbiamo lasciare un'impronta di esseri vissuti. Io nella mia possibilità e vocazione di prete, tu nella tua vocazione di donna.
La sola cosa che valga al mondo è il poter portare un po' di felicità nella vita degli altri. Io son più felice di te perché la mia vita è più sacrificata della tua.
Che piacere raccogliere un povero uccellino caduto fuori del nido, nutrirlo, insegnargli a volare, e quando è ben sviluppato dirgli: "Ora vola, vola, più in alto del sole ed ancora di più. Non voglio da te nessuna riconoscenza, a me basta che tu, da onesto, ti formi il tuo nido e ringrazi il buon Dio
”.
(p. Clemente alla nipote Stellina da Mongping, 16 giugno 1968)

 

Più in alto del sole.

Testi scelti del Beato Clemente Vismara, missionario del Pime in Birmania

A cura di Gerolamo Fazzini. pp. 144 - 11, 00 euro

 

 

Ufficio stampa: Monica Martinelli, stampa@emi.it, tel. 051 326027, cell. 331 3996944

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl