Comunicato stampa EM a Gennaio in libreria "Le fiabe nei Barattoli. I nuovi stili di vita raccontati ai bambini" di Marco Aime

15/dic/2011 12.26.31 monica martinelli EMI Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

 

Editrice Missionaria Italiana

Via di Corticella, 179/4 40128 Bologna

Tel 051/326027- fax 051/327552 - cell. 331399694

www.emi.it sermis@emi.it stampa@emi.it

 

 

COMUNICATO STAMPA

 

 

Le fiabe nei barattoli

Nuovi stili di vita raccontati ai bambini

 

La fortunata fiaba di Marco Aime

esce in una nuova edizione illustrata

 

 

Le Fiabe nei barattoli è un fortunato libro di Marco Aime, giornalista, antropologo e professore universitario. Dopo vari saggi Aime si è cimentato in un libro per ragazzi in cui fa parlare le cose della vita quotidiana: i barattoli del supermercato, il tappeto, la vecchia bicicletta... per rivelare ai bambini, uomini del domani, i segreti di un mondo che anche essi possono capire e cominciare a cambiare.

Con il linguaggio della fiaba l'Autore racconta la globalizzazione, spiega cosa sia sostenibilità ambientale, i meccanismi di impoverimento del Sud del mondo che partono dalle scelte quotidiane, il commercio equo e solidale e perfino la finanza etica.

 

La storia si svolge in un supermercato. Un posto strano per una fiaba ma oggi di boschi ce ne sono sempre di meno e per chi vive in città, forse, è più facile smarrire la strada in un grande megastore piuttosto che in una radura tra maghi e folletti.. proprio come è successo a Chiara, la protagonista di queste storie.

Assieme a Zongo, uno strano pupazzo animato, Chiara fa un giro tra i banchi colmi di prodotti e scopre che dietro ad ogni scatola e ogni barattolo c'è una storia interessante, basta cercarla.

Chiara ha scoperto che ci sono bambini che vengono sfruttati e maltrattati come il bambino Iqbal in Pakistan, ma anche che si può fare qualcosa per aiutarli; che ci sono angoli del nostro pianeta, come la foresta, la montagna e il deserto che sono minacciati, ma che si può tentare di salvarli come ha fatto il suo nuovo amico Chico Mendez, incontrato nel barattolo di caffé. Ha imparato che il tempo e il lavoro possono essere scambiati tra le persone per stare meglio e che una bicicletta rotta può diventare mille cose diverse, perché la diversità è la ricchezza del nostro mondo.

 

 

Le illustrazioni sono di Valentina Gottardi. Il libro, già disponibile presso l'editore, sarà distribuito in libreria da gennaio 2012.

 

Gli autori:

Marco Aime, vive a Torino e insegna Antropologia culturale all’Università di Genova.

Collabora con il quotidiano La stampa ed è autore di molti libri scientifici, divulgativi e di narrativa, tra questi: Eccessi di culture (Einaudi, 2004), Gli stranieri portano fortuna (Epoché, 2007), La macchia della razza (Ponte alle Grazie, 2009). Per i più giovani ha scritto Una bella differenza. Alla scoperta della diversità del mondo (Einaudi, 2009).

 

 

Valentina Gottardi, laureata in Arti visive a Venezia, vive e lavora a Trento. Si occupa di pittura e illustrazione, di editoria e di web design. Esordisce nel 2000 con il libro per ragazzi Il cielo di Mino (Arte e Crescita edizioni), in seguito perfezione stile e tecnica con artisti come Wilkon e Junakovich. Ha ricevuto numerosi riconoscimenti in concorsi di pittura e fotografia anche a livello internazionale.

 


 

Vai all'indice 

 

 

Lettera ai genitori

di Marco Aime, tratto da Le fiabe nei barattoli”


"Se un bambino sbaglia, tutti hanno sbagliato", così recita un proverbio africano. E fin qui siamo tutti d'accordo nel sostenere che è responsabilità nostra, di noi "grandi", trasmettere ai più piccoli quel sapere che dovremmo aver acquisito con il tempo. "La saggezza è come la sacca di pelle di capra: ogni uomo ha la sua" dice un altro proverbio africano e qui, forse, ci sarebbe qualcosa da dire. Molti di noi, parlo di noi adulti, non danno sempre prova di avere piena la propria sacca.
Un amico africano, compagno di molte conversazioni, è solito pormi numerose domande su come si vive qui, in Europa, per capire le differenze rispetto alla vita del suo villaggio. Un giorno, dopo aver letto alcune riviste francesi, mi ha chiesto: "Ma è vero che da voi c'è gente che paga per dimagrire?". Non so che faccia ho fatto, ma ricordo di avere faticato non poco ad ammettere che era vero. Così come ricordo lo stupore sul suo viso, mentre scuoteva la testa ripetendo: "Questo non lo capisco, non lo capisco proprio".
Credo sia inutile ripetere come il nostro modello attuale di vita sia una delle cause principali di tutti gli altri modelli di vita, che chi abita in angoli diversi del mondo subisce più che scegliere (come noi, però con molti meno mezzi e meno speranze). Immagino che chi ha scelto questo libro sia già sensibile ai problemi del Sud del mondo, dell'ecologia, dell'economia finanziaria sempre più imperante, pertanto non starò ad annoiarlo con l'ennesima filippica.
Credo anche che chi, adulto, ha ormai riposto la sua sacca per la noia o la fatica di portarsela dietro e magari riempirla con nuovi raccolti, non sia disposto ad ascoltare la solita storia del 20% dell'umanità che consuma l'80% delle risorse. "L'occhio dello straniero vede solo ciò che già conosce" (è un altro proverbio africano) e sono in molti a voler essere "stranieri" ai problemi degli altri, che poi sono loro, anche se spesso non lo sanno. Credo, però, che le piccole sacche dei bambini siano pronte ad essere riempite con nuovi frutti e che i loro occhi possano vedere bacche a noi talvolta invisibili. Bacche che hanno il sapore di una società nuova, di una natura meno soffocata, di un maggiore rispetto per uomini e cose.
In queste fiabe compaiono, più o meno mascherati, personaggi come Gandhi, il sindacalista brasiliano Chico Mendes, protagonista delle lotte ambientaliste degli indios amazzonici, il compianto Alex Langer, autore dello splendido libro Il viaggiatore leggero oppure Iqbal Masiq, il ragazzino pachistano ucciso per essersi ribellato alla mafia dei tappeti che lo sfruttava. Qualcuno forse storcerà il naso nel vedere accostato a questi grandi personaggi anche il Piccolo Principe.
Chiedo scusa, ma questa è solo una fiaba... e sono convinto che nessuno di loro si offenderebbe.”

 

 

Marco Aime


 

 

 

 

Ufficio stampa: Monica Martinelli, stampa@emi.it, tel. 051 326027, cell. 331 3996944

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl