Rupe Mutevole l’accettazione dell’essere, in un'unica energia…HARIA

Haria, per comunicare con Rupe Mutevole, lascia gli scritti tra la corteccia di un albero.

Persone Renzo Benvegnu', Enrico Nascimbeni, Davide Marzolini
Luoghi Toscana, Liguria, Grimaldi, Atlantide
Organizzazioni Casa Savoia
Argomenti cinema, editoria, arte, spettacolo

09/mar/2012 15.18.46 ClipFilm EuropaEventi Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
Sfidando le difficoltà della vita e facendo carico delle proprie energie vitali, una famiglia italiana, decide di lasciare la città per ricominciare a vivere in quello che diventerà un luogo d’incanto di crescita e di successo. Nasce in un piccolo promontorio tra boschi e ruscelli come fosse un paesaggio incantato, tra la Toscana e la Liguria, la storia di Rupe Mutevole. E’ l’anno 2004…dopo un’esperienza cinematografica di successo, con la Elebab Indie Film Production, nasce Rupe Mutevole Editori che assorbe l’Elebab. Una famiglia come tante altre che sfida i grandi, i potenti della cinematografia, dimostrando in poco tempo capacità, affidabilità, competenza, mostrando una nuova ed efficace identità. Ora è nota a tutti, la “Rupe Mutevole”, una piccola casa editrice, che opera in modo completo, gestendo interamente dei servizi che vanno dal fai da te di qualità e pregio, lavorando nella propria abitazione, dove realizza dalla carta alla stampa, alla rilegatura, nulla viene fatto in serie, tutto è curato a doc, con materiali e forme di qualità, un’azienda prospera in un mondo dove l’editoria, rischia di affondare in un baratro senza ritorno. La grande capacità imprenditoriale, con un adeguato stile la contraddistingue nel porsi sul mercato, esaltandone i contenuti della strategia editoriale, alla scelta della qualità di oltre 200 pubblicazioni di opere ad oggi pubblicate, con al seguito ben piu’ di 250 libri pubblicati e ristampe. Legata ai contenuti di libertà e della natura, di un'azienda che cerca di mantenere lo stile editoriale variandolo in tutte le dodici collane, come quella della storica Atlantide, dedicata alle grandi famiglie Grimaldi, Savoia, prosegue con la collana Autori stranieri e poi ancora con autori di spiccata rilevanza come l’iraniana Maryam Rahimi. Altri autori di rilevante interesse, sono il piccolo geniale Davide Marzolini che seppur 13enne, sia considerato una penna d’oro. I personaggi di Davide, sono una via di mezzo fra i mai dimenticati Puarò e Maigret. Un altro degli autori di spicco è il giornalista che ha aperto le indagini sull’inchiesta Mani Pulite dove è stato l’unico giornalista a intervistare l’on. le Bettino Craxi in esilio: Enrico Nascimbeni. Ciò che incute curiosità, è il progetto HARIA, con quattordici titoli pubblicati. Haria (persona vivente realmente), è il nome di una donna che per scelta decide di lasciare la civiltà e ricercare la propria realtà fra i boschi. Non ha una meta fissa, vaga nel verde dei boschi, attingendo la linfa vitale attraverso la coltivazione della terra e da ciò che nasce dalla terra, realizzando baratti con gli allevatori limitrofi. Haria, per comunicare con Rupe Mutevole, lascia gli scritti tra la corteccia di un albero. Una shamana che attraverso un percorso di arricchimento della sicurezza, ha imparato a spezzare le catene dell’essere, entrando passo dopo passo, nell’energia della natura, traendola e rendendola propria, trasformandosi in energia. Può sembrare una storia di fantasia, ma è tutto vero, Haria esiste ed è colei che ha permesso alla Rupe Mutevole Editori, di pubblicare ben quattordici titoli. Un incontro fra la Shamana Haria e l’Editore, ha cambiato il modo di vivere e di pensare e di porsi di tutta la famiglia protagonista in uno stile vita di successo anche nel lavoro dove si esaltano e s’identificano i concetti di Haria, su cui si basano tutti i lavori editoriali e di produzione. A breve, Rupe Mutevole Editori, terminerà di girare l’ultima scena di un film che presenterà al festival di Berlino, come fece anni fa per un altro capolavoro cinematografico, presentato al festival di Cannes, accettato dalla commissione del festival. Come tutti ben sanno, il festival di Cannes premia il divo e non il film, quindi si spera nella coerenza che da sempre distingue il festival berlinese dagli altri festival e se tanto ci dà tanto, Rupe Mutevole, porterà a casa un altro successo nel nostro Paese. Rupe Mutevole offre la possibilità di pubblicazione dei manoscritti dopo un'accurata selezione e soprattutto, dopo l’accettazione. Le pubblicazioni vengono prima contrattualizzate e a differenza di molte case editrici, Rupe Mutevole pubblica e stampa a proprie spese. Fonte: Cinzia_Veneziano_Communication ClipFilmEuropa Renzo Benvegnu’
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl