Intervista a Marco Mancinelli, vincitore del Premio Verbum Press

29/ago/2006 16.58.00 Francesca Ross Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
Intervista a Marco Mancinelli, vincitore del Premio Verbum Press
 
Si è svolto a Lugano, il 20 Luglio 2006, l'evento organizzato dal Verbum Club , associazione italo-svizzera di comunicatori ed addetti stampa. Nel corso del meeting, è stato assegnato il Premio Verbum Press a Marco Mancinelli , 41 anni, esperto di marketing and communication e socio del Club del marketing e della Comunicazione. Il premio è stato consegnato al vincitore con la motivazione "per le attività free lance da Press Officer e per le capacità di comunicare con efficacia in settori diversi, dal settore aziendale - Assist Informatica Srl - al settore degli eventi culturali - Studio d'Arte Giorgio Melzi - in modo completo, giornalistico, fruibile e professionale".
- Qualche parola sul premio Verbum Press?
 
"Per quanto mi riguarda, è un riconoscimento gradito ed inaspettato che mi gratifica molto, in particolare, perché assegnatomi da colleghi del settore".
 
- In cosa consistono le tue attività free lance da press officer?
 
"Elaborare e veicolare appositi comunicati stampa ad hoc, mirati a far conoscere un'azienda, un prodotto, un servizio o un evento".
 
- Secondo te, cosa significa comunicare con efficacia? "
 
"Comunicare con efficacia un servizio, un prodotto o un evento richiede sia una profonda attenzione ai dettagli e sia una capacità di sintesi mirata a far emergere il valore aggiunto e, quindi, la novità insite in ciò che si intende comunicare. Ciò è fondamentale, è una regola essenziale da osservare scrupolosamente durante tutte le fasi di una campagna stampa, pena la dispersione inefficace e, dunque, inutile dell'informazione".
 
- Di quali mezzi e canali ti avvali per diffondere i tuoi comunicati stampa?
 
"Il mezzo più utilizzato è la posta elettronica, anche se, di frequente, il contatto telefonico risulta decisivo. I canali che utilizzo maggiormente sono i portali di informazione e le testate on line. Il blog, in particolare, sta diventando uno strumento sempre più utilizzato da aziende e da operatori dell'informazione per reperire notizie ed aggiornamenti. Si tratta di canali informativi che consentono non soltanto una buona visibilità quasi immediata, ma anche una fondamentale rintracciabilità sui motori di ricerca, in quanto le news che pubblicano hanno spesso un buon livello di indicizzabilità".
 
- Quali sono i criteri che stanno alla base di un buon comunicato stampa?
 
"Intanto, il rispetto delle 5 W della comunicazione: Who, What, Why, Where, When. Inoltre, la stesura del comunicato deve evidenziare il cosiddetto plus, il valore aggiunto della notizia che si intende comunicare: la novità insita in un determinato prodotto, servizio o evento. In fondo, comunicare significa proprio questo, cioè dare forma e visibilità ad un qualcosa di nuovo che si intende portare all'attenzione di uno o più targets".
 
- Per fare il comunicatore, cosa occorre?
 
"In primis, passione per la comunicazione, per le relazioni pubbliche e per la scrittura. Poi, un'ampia attenzione ai dettagli e, soprattutto, la capacità di immaginarsi al posto di chi, a diversi livelli, legge o leggerà quanto si scrive e si diffonde. A tutti gli effetti, ritengo che il comunicatore che si occupa di ufficio stampa deve ricorrere sia ad un approccio di tipo giornalistico che ad un approccio di tipo marketing".
 
Intervista a cura di Luca Lamuraglia
www.marketingjournal.it
 
Segnalato da:

Francesca Ross
Journalist - Press Office

Chiacchiera con i tuoi amici in tempo reale!
http://it.yahoo.com/mail_it/foot/*http://it.messenger.yahoo.com

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl