"La cucina del Risorto" (EMI) - La chef-teologia secondo il teologo Pagazzi

23/set/2014 16:17:04 monica martinelli EMI Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Editrice Missionaria Italiana

Via di Corticella, 179/4 - 40128 Bologna

tel. 051.326027 - fax 051.327552 - www.emi.it

Ufficio Stampa: stampa@emi.it

 


Comunicato Stampa


Nasce la «chef teologia» con La cucina del Risorto

Il nuovo libro del teologo Cesare Giovanni Pagazzi

apre la collana Emi Pane nostro dedicata ai temi di EXPO 2015

(cibo, nutrizione, giustizia, ambiente) in collaborazione

con arcidiocesi di Milano e Caritas ambrosiana

 

 

Bologna, 23 settembre 2014

 

Sapeva cucinare (il pesce arrostito per gli apostoli sul lago di Tiberiade); era a conoscenza di ricette segrete (il lievito nella pasta), aveva il tatto sulla quantità di sale per insaporire il cibo; conosceva quali sono i pesci buoni da mangiare e quelli da scartare (la parabola sulla pesca)… Insomma, «i Vangeli regalano un tratto poco conosciuto: con buona probabilità, Gesù sapeva cucinare!».

Ne è convinto Giovanni Cesare Pagazzi, teologo di Lodi, tra le voci più significative e originali del pensiero teologico contemporaneo in Italia. Nel suo nuovo libretto La cucina del Risorto. Gesù cuoco per l’umanità affamata (Editrice Missionaria Italiana, pp. 64, euro 5,00, in libreria da questa settimana), Pagazzi svela i contorni di quella che si può definire «chef teologia», ovvero un pensiero cristiano sul senso del cucinare. «Tra le cose che distinguono gli umani da qualsiasi altra forma vivente, compresa la più evoluta, è il gesto del cucinare - spiega Pagazzi -. Come ogni altro essere vivente, si alimentano procurandosi le sostanze necessarie al proprio fabbisogno, ma a differenze delle piante e degli animali (ed è una differenza sostanziale) cucinano».

E anche Gesù Cristo sapeva cucinare, come testimonia il brano del vangelo di Giovanni, capitolo 21, in cui si narra del pesce arrostito preparato per gli apostoli reduci dalla «pesca miracolosa»: «Gesù non si accontenta di alimentare, di nutrire, e nemmeno di ricevere il cibo, ma cucina, trasforma, con quanto questo umanissimo gesto richiede in attenzione a cose e persone. […] Dal momento che il Figlio è venuto nella carne, egli ha palato e quindi sa cosa significa nutrire gente che ha palato, e un palato diverso per ciascuno. Se ha cucinato, ha posto tradizionale e creativa attenzione a cose, tempi, azioni e persone, ai loro gusti, a ciò che potevano e dovevano mangiare». Del resto, rimarca Pagazzi, spesso si dimentica che una delle auto definizioni più note di Cristo, «io sono il buon pastore», sta a significare proprio un aspetto culinario: pastore è «colui che dà il pasto».

Il libretto La cucina del Risorto inaugura una nuova collana editoriale di Emi dedicata ai temi di EXPO 2015 (il cibo, l’alimentazione, e quindi di rimando il rispetto del creato, la fame nel mondo e le esigenze di giustizia,…). La collana, intitolata Pane nostro - Pagine da gustare, è realizzata in collaborazione con l’Arcidiocesi di Milano e la Caritas ambrosiana. Prevede nei prossimi tempi testi di Luigi Ballerini, Jean Bastaire, Jorge Mario Bergoglio, Luca Bressan, Franco Cardini, Oscar R. Maradiaga, Gianfranco Ravasi, Angelo Scola, Pierangelo Sequeri, e altri.

 

Giovanni Cesare Pagazzi, La cucina del Risorto. Gesù cuoco per l’umanità affamata, Collana Pane nostro - Pagine da gustare, Editrice Missionaria Italiana, pp. 64, euro 5,00

 

In allegato copertina del libro.

 

 

Contatti con la stampa e per interviste con l'autore:

Chiara Brivio

Ufficio Stampa EMI

tel. 051/326027 - cell. 328/0387080

email stampa@emi.it
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl