Agorà Magazine: Chavez annuncia la fine della democrazia

19/ago/2007 00.49.00 agorà magazine Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Chavez annuncia la fine della democrazia!

La Politica italiana tace.

domenica 19 agosto 2007 di Umberto Calabrese

Lettori unici di questo articolo: 0

L’ultimo atto si è concluso con la proposta della nuova costituzione. Hugo Chavez, presidente a vita o dittatore o dux della sesta potenza petrolifica. Il cammino verso " il socialismo del XXI secolo" è iniziato mentre la nostra politica tace.

video

Qui di sopra c’è il video, del discorso di Hugo Chavez, nel parlamento Venezuelano, composto solo da suoi sostenitori.

Chavez, potrà essere rieletto indefinitamente, finché avrà i voti necessari a presidente della Repubblica Bolivariana del Venezuela.

Aver prolungato di un’anno, da sei a sette il mandato presidenziale, non è un danno per la democrazia. Aver reso rieleggibile in eterno, il presidente in carica, potrebbe far dire o scrivere da qualche parte, finché il popolo lo vota, cosa c’è di male.

Quindi prendiamo atto del silenzio, dei leader italiani, tutti, nessuno escluso, non hanno commentato, questa notizia, né i leader di governo né i leader d’opposizione, che dire.

Forse non vogliono interferire sulla politica interna di uno stato sovrano. Giustamente, infatti, la storia a loro non insegna nulla.

Hitler non fu attaccato, per le sue leggi razziali, tanto ebrei, comunisti ed omosessuali, venivano annientati civilmente, privati dei loro beni, espropri e nazionalizzazioni, a danno di una minoranza, oligarchica, che danneggiava il popolo tedesco, con il loro potere economico. Intervenire era intromettersi nella politica interna!

Hiltrer, non fu attaccato, quando nella notte dei lunghi coltelli, annientò i suoi nemici, mise al rogo libri, ed istaurò "Ein Volk, ein Reich, ein Führer" ("Un popolo, un impero, un capo"). Anche in questo caso, come si poteva intervenire, criticare, sanzionare, era intromettersi nella normale vita democratica di un popolo che aveva "liberamente" eletto il suo Fuhrer.

Anche Hitler, marciava verso un moderno socialismo, anche se Lui lo chiamava Nazionalsocialismo.

Certamente Hitler, non aveva la camicia rossa, di Chavez, ma come Chavez è stato eletto democraticamente.

Concordo con tutti quelli che hanno detto la democrazia non è, elezioni democratiche, la democrazia non si importa né si impone, si esercita, aggiungo, io.

E si può esercitare se si è liberi. E si è liberi, in uno stato, dove i rappresentanti del popolo, sono eletti a tempo ed alle massime cariche si può essere rieletti una o due volte, e sempre per un tempo limitato.

Due esempi di vera democrazia: Il Presidente resta in carica, sei mesi nella libera democratica Repubblica di San Marino, 4 anni negli USA. Nel 1951 il XXII emendamento della Costituzione stabilì il divieto a più di due mandati.

La sovranità nazionale, la libertà di un popolo di scegliere il proprio destino, sono valori irrinunciabili, cosi come la libertà e la democrazia, ed ogni volta, che si permette ai Lenin, Mussolini, Hitler, Stalin, Mao, Franco, Peron, Fidel Castro, Pinochet, Saddam Hussein ed ai mille Caudillo di ogni latitudine di imporre, limitazione alla libertà e alle regole democratiche, ogni uomo libero dovrebbe far sentire la sua indignazione e manifestare, per la democrazia, per la pace.

Hugo Chavez, è il caudilo gridavano i chavisti, a Caracas, in camicia rossa corsi in migliaia, intorno al Parlamento Venezuelano, come qui a Roma migliaia in camicia nera esultavano e gridavano Duce. Hugo Chavez, è il primo caudillo del nuovo millennio, per deporre l’ultimo dell’altro millennio Saddam Hussein, l’umanità ha pagato e sta pagando un tributo di innocenti vite umane, immensamente alto. La Pace, la Democrazia, la Libertà sono un bene troppo grande, per essere deposti, nel silenzio.

E’ da uno spazio libero, qual è Agorà Magazine grido da uomo libero e quindi forte della propria libertà, tutta la mia indignazione per l’assordante silenzio di chi dovrebbe rappresentare il libero e sovrano popolo italiano

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl