SPIRALI > Harry Wu, "Laogai. L'orrore cinese"

L'orrore cinese" (Mailing list information, including unsubscription instructions, is located at the end of this message.)

03/ott/2008 10.55.56 Spirali edizioni Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
(Mailing list information, including unsubscription instructions,
is located at the end of this message.)
__

=================================
C O M U N I C A T O S T A M P A
=================================

Denuncia politica ed iniziativa civile
HARRY WU: “LA CINA? UN GIGANTE SOSPESO TRA AMBIZIONI DI LEADERSHIP ED ORRORI”
L'inedita testimonianza editoriale del dissidente vittima dei laogai, campi cinesi di lavoro forzato.

Milano, ottobre 2008 - E' in distribuzione il libro Laogai. L'orrore cinese di Hongda “Harry” Wu, edizioni Spirali. Il dissidente cinese, recluso per 19 anni nei campi di concentramento del suo paese, è attivista per i diritti umani di livello internazionale noto per aver rivelato al mondo l'esistenza di famigerati campi di lavoro forzato per detenuti politici, i “Laogai”, letteralmente “riforma attraverso il lavoro”. Nel volume l'autore parla di tali orribili lager di stato ma allarga le sue considerazioni anche ad altre realtà repressive totalitarie, agli ambigui rapporti capitalistici mantenuti dall'occidente, alla censura dell'informazione, alle discriminazioni civili e religiose, al trapianto di organi provenienti da condannati a morte, a piazza Tienammen. Un testo essenziale per la comprensione della realtà contemporanea.
---Due con uno--- Dice: «Con il lavoro forzato i leader comunisti ottengono due risultati: l'eliminazione di qualsiasi opposizione interna e la produzione di merci a basso costo da destinare ai mercati. Regola n°1 della detenzione: devi amare il partito, ovvero dimenticare la propria visione politica, la propria religione salvo rimanere in prigione. Entrati nel campo bisogna confessare subito il proprio crimine e ripetere l'ammissione di colpa ogni settimana; così si perde la dignità personale, o si muore. Regola n°2: ogni campo ha due nomi, uno di facciata come insegna produttiva ed uno burocratico come carcere; nei rapporti commerciali si usa il primo, negli affari interni il secondo. Non mi sorprende che gli americani abbiano eliminato la Cina dai 10 paesi contrari ai diritti umani: come farebbero sennò a mantenere così intensi rapporti economici con quel paese?»
---L'imperatore comunista--- Secondo il prof. Wu, l'ideologia cinese è unica perché fondata su una tradizione feudale millenaria e profondamente radicata: «Di fatto non c'è mai stata differenza un imperatore e il successivo. Anche Mao, conquistato potere, si è comportato da imperatore comunista. Il comunismo è una coperta esterna sul sistema cinese».
---Tienanmen--- Lo studioso crede che il movimento di piazza Tienanmen non sia stato ben compreso: «Un fenomeno popolare riformatore, non rivoluzionario: i suoi leader volevano correzioni al sistema e non la sua caduta, lottando contro burocrazia e corruzione. La memoria del popolo svanisce: oggi nei campus universitari si parla di soldi, non di politica».
---Diritti umani--- Sollecitato su cosa proporrebbe all'ONU, l'intellettuale risponde con la Dichiarazione universale dei diritti umani: «Chiederei al governo cinese: quante persone vengono giustiziate ogni anno? quante mandate in galera per “sovversione”? a quanti viene imposto di rinnegare il proprio credo? quanti sono liberi di manifestare il proprio pensiero?»

C I T A Z I O N I T R A T T E D A L V O L U M E
«La differenza con i gulag? Nei laogai non si ha tregua, fino al lavaggio del cervello».
«In Cina il 95% degli organi trapiantati proviene da detenuti giustiziati».
«Il mio successo è che ”laogai“ sia divenuta una parola di uso comune, inserita nell'Oxford dictionary».

S C H E D A L I B R O
HONGDA HARRY WU, "LAOGAI. L'ORRORE CINESE”
(Edizioni Spirali, pp. 227 con inserto a colori, collana saggistica L'Alingua, isbn 9788877708427, euro 25)
Il volume: Una lucida analisi, arma di civiltà. L'autore spiega la "rieducazione" concepita dal regime di Pechino, fenomeno che riguarda milioni di detenuti cinesi e l'intera opinione pubblica mondiale, vittime della tenace censura governativa. Un saggio prezioso con un ritratto sconcertante della Cina, sospesa tra ambizioni di leadership e violazione dei diritti civili.
L'indice: A-PARTE PRIMA: laogai, l'orrore cinese (laboratorio editoriale con Harry Wu). B-PARTE SECONDA: documenti allegati (di Harry Wu) B1-Discorso per la Harward university. B2-Discorso per il congresso degli Stati uniti. B3- La risposta europea al dialogo sino-tibetano. B4- Una parola cinese da ricordare: laogai. B5-Terrorismo e autoconservazione. B6-Anch'io ho un sogno. B7-Repressione religiosa in Cina. B8-Lasciate che vi dica... (di Matthias Schepp e Rico Carish, reporter di “Stern”) B9-Asportazioni illegali di organi da prigionieri in Cina.



--
The following information is a reminder of your current mailing
list subscription:

You are subscribed to the following list:

Addetti stampa e cultura: news Spirali

using the following email:

pubblica@comunicati.net

You may automatically unsubscribe from this list at any time by
visiting the following URL:



If the above URL is inoperable, make sure that you have copied the
entire address. Some mail readers will wrap a long URL and thus break
this automatic unsubscribe mechanism.

You may also change your subscription by visiting this list's main screen:



If you're still having trouble, please contact the list owner at:



The following physical address is associated with this mailing list:

SPIRALI - Ufficio marketing
via Varese 36, Senago (MI) 20030
Tel & fax: +39 02 99481494
E-mail: marketing@spirali.com


blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl