La Miss Italia degli anni Sessanta icona della femminilità italiana del terzo millennio

12/ott/2011 14.47.30 accordieDISACCORDI Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

 

In questi giorni in Argentina s’inaugura il “Palacio Berlusconi”, un nuovo locale di intrattenimento, mentre nel resto del mondo la stampa continua a rappresentare l’Italia come la terra del bunga bunga, il famigerato party in cui sono coinvolte anche alcune ragazze che negli ultimi anni hanno partecipato alle selezioni di Miss Italia, la celebre manifestazione nata per premiare l’icona femminile del Belpaese. A ricordare le solide idealità che animavano le ragazze partecipanti alle vecchie edizioni del più famoso concorso dello Stivale ci pensa Layla Rigazzi che giovedì 13 ottobre 2011 sarà madrina dell’evento milanese dedicato alla cucina della Lomellina, la terra di confine tra Lombardia e Piemonte.

Layla fu la seconda Miss Italia, eletta nel 1960, ad appena diciotto anni, in un’edizione priva della diretta televisiva e della conseguente diffusa popolarità. Si disse allora che a vincere fu “l’estetica concreta e sincera”. Difatti oggi la signora Layla Rigazzi è moglie, madre e nonna felice con proprie esperienze di lavoro in Canada e in Italia.

Layla Rigazzi sarà la madrina della serata “All’Oca piace il cioccolato” che si terrà giovedì 13 ottobre 2011 a partire dalle ore 20 al Casello di Porta Volta a Via Volta 23 a Milano  presso l’Associazione Nazionale ex combattenti reduci. I sapori della Lomellina, sapientemente curati dal maestro pasticciere Massimo Peruzzini e dagli chef Nunzio Taccardi e Mirco Benzi, si rivivono attraverso la perfetta combinazione tra la carne del palmipede e il derivato dai semi della pianta del cacao a marchio Valrhona. Piatti di qualità e di raffinata creatività che si uniranno al sapore dei vini salentini “Mottura” che con Le Pitre inaugura la linea dedicata alla ristorazione di classe.

Massimo Peruzzini lavora a Mortara, la città della provincia pavese nota per l’antica tradizione gastronomica legata all’oca.

 

Per info: cell.3393996510     e-mail: bianca.b2006@libero.it

 

 

Ufficio Stampa:

Luigi Esposito

cell. 3358204353   

E-mail: espositoluigi@hotmail.com

www.luigiesposito.it

 

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl