La porta d'ingesso per gli affari in Iraq

17/apr/2007 12.49.00 Axis Fairs and Services Srl Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
 

Un articolo di Bill Rodgers apparso sul sito dell’emittente Americana VOA (Voice of America) afferma che l’Iraq, nonostante le violenze, è una terra che attualmente offre importanti opportunità d’affari; funzionari degli stati Uniti affermano che soprattutto la regione semi-indipendente del Kurdistan, grazie al suo rapido sviluppo commerciale, rappresenta la porta d’ingresso per fare affari in tutto il suolo iracheno.

 

Uno dei più evidenti segni del boom economico sono le gru che sovrastano Erbil, la capitale del Kurdistan.

 

Frank Lavin, sottosegretario al Commercio internazionale statunitense, ha stimato un incremento economico della regione kurda che si attesta intorno al 10% annuo.

In un recente seminario tenuto a Washington (Northern Gateway Initiative) Lavin nel tentativo di spronare le aziende statunitensi ad operare in Kurdistan ha affermato che l’area in questione rappresenta la via privilegiata per gli affari in Iraq.

 

La sicurezza di cui gode attualmente la regione, rende il Kurdistan una piattaforma importantissima per insinuarsi e servire il mercato del resto dell’Iraq, Lavin perciò ritiene la regione matura tanto da attirare gli investimenti stranieri.

 

L’articolo di

Santo Oliva

soliva@italianexpo.it

www.italianexpo.it

tel. 035781256

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl