Comunicato Stampa - Italianexpo Iraq 2007

Dario Rivolta, il quale da tempo segue da vicino l'evoluzione del Kurdistan iracheno, porta degli affari per l'Iraq, ha inaugurato la manifestazione ITALIANEXPO IRAQ 2007 organizzata dalla società bergamasca, l'Axis Fairs and Services srl, specializzata in eventi fieristici in situazioni post belliche.

Allegati

14/set/2007 21.30.00 Axis Fairs and Services Srl Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

DAL 6 AL 10 SETTEMBRE 2007 SI E’ SVOLTA LA PRIMA FIERA ITALIANA IN IRAQ

 

L’on. Dario Rivolta, il quale da tempo segue da vicino l’evoluzione del Kurdistan iracheno, porta degli affari per l’Iraq, ha inaugurato la manifestazione ITALIANEXPO IRAQ 2007 organizzata dalla società bergamasca, l’Axis Fairs and Services srl, specializzata in eventi fieristici in situazioni post belliche.

80 importanti aziende italiane, tra le quali Candy, New Holland (Gruppo Fiat), Doimo Contract, Fondital e Valsir, Brasilia, Gedy, Vetreria di Borgonovo e molti altri hanno puntato sul rapido sviluppo dell’ autonomo Kurdistan iracheno riempiendo gli stand di questa prima edizione che ha messo in vetrina il meglio dell’industria nazionale.

Prodotti ed impianti per l’edilizia, l’industria alimentare, l’agricoltura e l’irrigazione. Tecnologie per l’ambiente, il riscaldamento, il raffreddamento e la ventilazione. Arredamenti ed elettrodomestici per gli alberghi e per la casa.

Quasi 100 imprenditori hanno sfidato il clima di diffidenza che circonda tutte le iniziative in Iraq ed hanno avuto fiducia in Axis, organizzatrice dell’evento. I fatti hanno dato loro ragione e le aziende, oltre ad aprire nuovi importanti canali di vendita, hanno addirittura stipulato contratti per milioni di euro proprio durante fiera. Il grande interesse degli imprenditori ed autorità locali ha avuto l’avvallo politico con la visita in fiera di Massud Barzani, presidente del Kurdistan autonomo.

Il Kurdistan, pur con qualche isolato episodio di terrorismo fra correnti rivali, ormai da anni insegue la modernità nel rispetto dell’ordine. Ad Erbil, la capitale,  i centro commerciali ed i grandi negozi pieni di merce da Turchia, Iran e Cina, sono la normalità.

“La scommessa è di persuadere i curdi e gli iracheni che gli standard italiani, ovviamente più costosi, pagano molto di più alla distanza” così ha detto Angelo Caspani, Segretario Generale della manifestazione. “ L’Italia, che in passato è stata una delle più grandi fornitrici di macchinari e di tecnologia dell’Iraq, ripresentandosi con tempismo grazie a questa fiera e alle altre che seguiranno, può riguadagnare nel paese le posizioni che in passato erano già sue.”

La prossima edizione di ITALIANEXPO IRAQ si svolgerà a maggio 2008.


 
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl