IMPRESE FRANCESI A HYDRICA 2009

11/mag/2009 13.46.04 CITEF - Ufficio stampa di Ubifrance in Italia Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

 

(PadovaFiere 23 - 25 giugno 2009)
 
 
 
La Francia, attraverso la Mission Economique Ubifrance, ha scelto di partecipare a Hydrica 2009 con un padiglione che ospiterà una decina di società specializzate nella fornitura di beni e servizi ad alto contenuto tecnologico per il trattamento delle acque reflue e organizzerà un convegno franco-italiano dedicato alla gestione delle risorse idriche in Italia e in Francia, con particolare attenzione alle strategie industriali messe in atto nei due paesi per risolvere il problema della riduzione dei fanghi derivanti dagli impianti di depurazione delle acque.
 
Il settore dell’acqua è uno dei campi d’eccellenza dell’industria francese. Pioniera nell’organizzazione della collaborazione mista tra pubblico e privato, la Francia ha affermato il suo know-how principalmente nel campo dell’ingegneria e nella costruzione di stazioni di produzione di acqua potabile e di trattamento delle acque usate e nella gestione delle stazioni di raccolta e distribuzione.
Accanto a Degrémont (Gruppo Suez Environnement) e Veolia Water System, i due primi operatori mondiali del settore - che saranno entrambi presenti a Hydrica 2009-, la Francia conta un numero importante di PMI, fornitrici di servizi e tecnologie.
 
Gli investimenti realizzati nel settore sia dagli enti pubblici sia dagli operatori privati (5,6 Md di € nel 2007, coperti per il 69% da comuni e regioni, per il 18% dall’Agenzia dell’Acqua e per il 13% da operatori privati – fonte Sia Conseil Luglio 2008) rimangono molto importanti  anche se i tassi di crescita sono oggi contenuti (del 2 al 3% annuo secondo il Ministero Francese dell’Ambiente).
Invece, crescono fortemente  gli investimenti in alcune zone geografiche come la Cina e il Medio Oriente (+10% l’anno) ed in alcuni paesi emergenti dove si sviluppano in particolare le stazioni di dissalamento dell’acqua di mare.
In Europa, la crescita del settore appare concentrata principalmente in alcune nicchie tecnologiche come i trattamenti UV/Ozona, l’ultra e la nano filtrazione, i sistemi di gestione che permettono di ridurre i consumi nell’industria e nell’agricoltura o ancora le apparecchiature per le installazioni decentralizzate.
 
Il forte impegno della ricerca pubblica nel settore dell’acqua (100 M di € /anno) è oggi valorizzato sul piano industriale dal ruolo di coordinamento affidato a diversi cluster, i “poli di competitività” presenti in diverse aree della Francia.
Il settore dell’acqua occupa globalmente 124.000 persone e produce un fatturato di 16 Md di € l’anno. Il 70% delle attività di distribuzione dell’acqua potabile e il 50% di quelle di trattamento delle acqua usate è realizzato da operatori privati e molti di loro hanno anche un’attività all’estero.
 
Sono già iscritte a Hydrica le società francesi Sade, Saint Dizier Environnement, Schneider Electric mentre altri operatori d’Oltralpe, tra i quali Degremont, Alcontrol Laboratories, Side Industrie, Cnim, Laboratoire Ceeram, Eurofins, Saint-Gobain, Acquabion France, hanno già manifestato il loro interesse nei confronti della manifestazione che vedrà inoltre la presenza di numerosi gestori italiani e francesi di reti idriche (Veolia e diverse multi-utilities del Nord Italia) e di enti pubblici rappresentativi di entrambi i paesi, quali l’ADEME, la Ville de Nancy, l’Agence de l’eau Rhin-Meuse e Federutility.
 
Per maggiori informazioni:
 
Mirko Costa
Mission Economique Ubifrance
Tel.: +39 02 48 547 333
Email: mirko.costa@ubifrance.fr
 
 
Contatti stampa:
 
 
 
Agenzia Stampa CITEF di UBIFRANCE
Via Morozzo della Rocca, 9 – 20123 Milano
Tel. 02 43 98 08 32 / Fax. 02 58 43 03 63
agenziastampacitef@citef.it
www.citef.it
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl