Flavio Cattaneo: Terna al primo posto tra le Utilities in Europa

04/feb/2010 10.39.21 Ufficio Stampa Extera Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Flavio Cattaneo soddisfatto di Terna, che tiene nel primo mese dell'anno dopo il record 2009. Il titolo Terna continua ad essere uno dei preferiti.

Flavio Cattaneo guida Terna verso un altro record. Dopo un 2009 sugli scudi, anche nel primo mese del 2010 il titolo Terna continua ad essere preferito ai titoli maggiormente rischiosi e, sebbene abbia subito alcune prese di profitto, ha registrato una performance superiore a quella del mercato (-5,8% del FTSE Mib) e del settore europeo (-5% DJ Stoxx Utilities) attestandosi a 2,92 c/E per azione. Già in chiusura dello scorso anno Terna, con un rendimento totale per l'azionista pari al 37,2%, si era piazzata al primo posto assoluto tra le Utilities europee e si era confermata la migliore Utility tra le Blue Chip italiane.

La società guidata da Flavio Cattaneo è stata l'unica del listino milanese a chiudere il 2009 ai massimi di sempre, raggiungendo i 3,00 euro per azione. Nonostante le turbolenze che ancora caratterizzano i mercati europei, Terna si conferma dunque un titolo anticiclico, il cui andamento è indipendente dai risultati del contesto economico generale. Solo nel 2009 l’azione aveva guadagnato il 28,5% rispetto al 19,5% del FTSE Mib e lo 0,98% del settore. Il dividend yeld prospettico si attesta tra i più alti del settore al 6,4% sulla base di un consensus sul dividendo di 19 c/E per azione.

Fattori determinanti a sostegno del titolo, sono stati l'attività di M&A con l'acquisizione a sconto delle linee ad alta tensione di Enel e la vendita a premio di Terna Participações, il contesto regolatorio e l'accelerazione degli investimenti. Tutti elementi che hanno contribuito ad una stabile crescita del business nonostante il contesto congiunturale negativo. Anche gli analisti concordano nel giudizio positivo su Terna che, secondo gli esperti di UBS e Kepler è 'buy' con il prezzo obiettivo che si attesta per entrambi a quota 3,2 euro, mentre per l'ufficio studi di Barclays è 'overweight' con un prezzo obiettivo pari a 3,05 euro.

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl