Prestiti e mutui - Andamenti a marzo 2010 (Euribor)

26/mar/2010 15.45.10 Seolab s.r.n. Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Si riduce il calo della domanda di prestiti: a gennaio -3%

Le evidenze dell’analisi del patrimonio informativo di EURISC – Il Sistema di Informazioni Creditizie di CRIF

 

Nel mese di gennaio 2010 la domanda di prestiti da parte delle famiglie italiane (nel suo aggregato di prestiti personali e prestiti finalizzati) si assesta intorno a un -3%, a parità di giorni lavorativi, rispetto allo stesso mese del 2009.

 

Fonte: EURISC – Il Sistema CRIF di Informazioni Creditizie

 

 

“Mettendo a confronto la domanda dei prestiti di gennaio 2010 con i valori degli anni precedenti – illustra Enrico Lodi, General Manager Credit Bureau Services di CRIF - si evidenzia come il calo registrato (-3%) sia inferiore a quello rilevato a gennaio 2009 rispetto al 2008 (-5%), senza considerare che a gennaio 2008 si registrava un valore positivo del +3% rispetto al corrispettivo mese 2007”.

 

 

Distinguendo la domanda nelle due macrotipologie di finanziamenti, prestito personale e prestito finalizzato, si osserva che anche a gennaio 2010 continuano ad essere i prestiti personali la componente che incide maggiormente nel calo complessivo, registrando un -4% (ponderato sui giorni lavorativi), rispetto allo stesso periodo del 2009, mentre il calo dei prestiti finalizzati continua ad attestarsi su un più contenuto -2%.

 

“La curva di lungo periodo sui due prodotti – continua Lodi - esprime ormai da qualche mese una modifica netta di tendenza che appare consolidarsi. Gli andamenti in brusco calo che derivavano dai momenti di incertezza e di scarsa fiducia, hanno lasciato spazio a una domanda che modifica le proprie caratteristiche relativamente a importo e durata, all’interno però di un trend quantitativo che pare stabilizzarsi in attesa di potere cogliere nuovi segnali di crescita”.   

 

Complessivamente il primo mese del 2010 ha confermato il trend che vede la domanda di prestiti spostarsi, seppur gradualmente, verso le fasce di durata più breve: in particolare cresce la domanda relativa a durate al di sotto dei 3/4 anni.

La composizione della domanda per fasce di importo, invece, si mantiene sostanzialmente stabile, con una maggior incidenza di quelle di importi inferiori ai 5.000 euro.

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl