Mutui, sempre più difficoltà per le famiglie

03/giu/2010 15.09.42 Supermoney Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

.Per Bankitalia la causa è la crisi occupazionale. Aumentano le richieste di quelli a tasso variabile

 

Bankitalia lancia l’allarme: aumentano le famiglie in difficoltà nel rimborsare le rate di prestiti e mutui. Nella sua relazione annuale via Nazionale delinea un quadro non proprio roseo sull’indebitamento delle famiglie italiane. La quota di prestiti incagliata ha raggiunto il 2,8% a marzo di quest’anno. Significa che i debitori hanno o avranno difficoltà a pagare gli interessi o il rimborso del capitale a scadenza. Di più, sono aumentate anche le insolvenze (ossia i non pagamenti tout court) che hanno raggiunto quota 1,4% (+0,3% dal 2009). La causa principale di questo dato è la difficile situazione del mercato del lavoro. I dati Istat parlano infatti di 370mila posti di lavoro perduti in un anno.

In questo quadro di estrema precarietà non stupisce la battuta d’arresto nel 2009 dei mutui primi casa. L’anno scorso sono stati erogati in totale 50 miliardi di euro in mutui per l’acquisto dell’abitazione principale, il 9% in meno rispetto al 2008. Eppure, nonostante la crescente disoccupazione che coinvolge soprattutto i giovani, nei primi mesi del 2010 le richieste hanno subito una accelerazione. “Sempre secondo via Nazionale l’80% dei finanziamenti concessi delle banche ai privati è stato stipulato a tasso variabile – spiega Bruno Iambrenghi Business Development Manager di Supermoney – probabilmente chi si trova nella necessità di effettuare questo investimento sta approfittando del calo dei tassi di interesse su questi contratti (a fine anno hanno raggiunto il 2,2%) che li ha resi molto più appetibili di quelli a tasso fisso (tasso del 4,9%)”. Certo ora il tasso variabile conviene, ma il contraente si trova esposto alle fluttuazioni del mercato, come fare per ridurre i rischi? “E’ possibile – continua Iambrenghi - emettere mutui a tasso variabile con un limite massimo all’innalzamento dei tassi di interesse, estendere la durata del mutuo o sospendere temporaneamente i pagamenti senza costi addizionali, ogni istituto di credito ha delle opzioni diverse”. Per destreggiarsi nella giungla delle offerte, uno strumento utile per il consumatore è il sistema di confronto dei mutui di Supermoney, che permette di trovare il mutuo più adatto alle proprie esigenze tra i prodotti forniti da 19 banche.

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl