Agevolazioni dei prestiti inpdap

Agevolazioni dei prestiti inpdap È stata stipulata una convenzione tra l'I.N.P.D.A.P., che è ente pensionistico per i dipendenti dell'amministrazione pubblica (acronimo si Istituto Nazionale Prevenzione Dipendenti Amministrazione Pubblica) e alcuni istituti bancari e finanziari grazie al quale i pensionati e i dipendenti dell'amministrazione pubblica possono ricevere ed usufruire di prestiti con agevolazioni.

16/ago/2010 12.13.04 Sara Borsari Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

È stata stipulata una  convenzione tra l’I.N.P.D.A.P. , che è  ente pensionistico per i dipendenti dell’amministrazione pubblica ( acronimo si Istituto Nazionale Prevenzione Dipendenti Amministrazione Pubblica) e alcuni istituti bancari e finanziari grazie al quale i pensionati e i dipendenti dell’amministrazione pubblica possono ricevere ed usufruire di prestiti con agevolazioni. In questo caso si parla di prestiti inpdap agevolati. Per sveltire le attuali procedure di prestiti INPDAP è stata sviluppata una convenzione che offre prestiti alle stesse condizioni, ma eseguiti in tempi rapidi da enti bancari e finanziari convenzionati. I parametri del prestito restano quelli offerti dall’inpdap che se ne fa garante per tutta la durata del prestito.

Chi può accedere ai prestiti inpdap agevolati sono i dipendenti pubblici e di grosse aziende. Essi possono ottenere prestiti di varia natura e importo a tassi agevolati direttamente dalla ditta che li impiega o attraverso istituti con essa convenzionati. Le agevolazioni fiscali applicate a tali prestiti non potranno mai venire meno anche nel caso in cui il datore di lavoro decida di abbattere , in maniera percentuale, il tasso di interesse del finanziamento. Basta solo che l’importo offerto dal datore di lavoro non entri nella disponibilità del dipendente. Praticamente l’importo deve essere direttamente collegato al pagamento degli interessi del prestito e non può essere messo a disposizione dell’impiegato in maniera libera,cioè essendo versato sul suo conto corrente. Questo ultimo dato è confermato anche dalla Agenzia delle entrate.

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl